Monfalcone - Ronchi dei Legionari - Duino
stampa

Il premio "S. Giuseppe" spostato al 1° maggio

Le disposizioni antiCovid fanno slittare l’annuale appuntamento

Parole chiave: Acli (63), Premio San Giuseppe (6)
Il premio "S. Giuseppe" spostato al 1° maggio

Si è aperta la mostra d’arte figurativa "Vernice Rosa" voluta dalla presidenza del Circolo Acli di Ronchi dei Legionari. L’esposizione rimarrà aperta fino a fine maggio, Covid-19 permettendo, presso il Nuovo Bar Acli in via San Lorenzo.
Questa rassegna è stata creata per mettere in evidenza il lavoro eseguito dagli allievi dei corsi di acrilico, matita e carboncino, diretti dalla maestra Antonella Delbianco, nei locali parrocchiali e presso la cartolibreria Meraviglia sempre a Ronchi.
Il punto è stato colto dal critico d’arte Umberto Miniussi, il quale ha sottolineato la buona continuità di mostre e l’interesse con cui il Circolo ronchese pone all’attenzione degli amanti delle Arte figurative.
Le opere in mostra sono frutto del lavoro di persone giovani e meno giovani, otto allieve e un allievo: Alhambra Bumbarca, Giorgio Botto, Alessia Capacchione, Barbara Caruzzi, Federica Nardini, Giulia Pella, Annalisa Recchia, Barbara Russo, Lorena Sant, e Monica Schiavon.
Tutti si sono cimentati nell’arte figurativa solo da qualche tempo, mettendo però in evidenza la capacità del tratto nell’eseguire opere di famosi artisti rinascimentali, dove si possono notare in particolare: la buona capacità manuale e l’attitudine verso il disegno. Mentre, per almeno quattro espositori si nota una certa famigliarità con i disegni e il colore, oltre una già presente espressività. Una prova convincente, sia della maestra che degli allievi, la mostra presente al Circolo, dove nulla è uguale e ogni allievo si è potuto esprime con versatilità, scegliendo di realizzare l’opera con i colori o la matita, mettendo in evidenza atmosfere del paesaggio e della ritrattistica, una iniziale poetica che tanto bene farà al futuro dell’arte figurativa, non solo locale. Prima del fatidico taglio del nastro, c’è stata l’introduzione di Fiorenzo Boscarol che ha spiegato le motivazioni e le finalità di queste rassegne e il saluto del presidente del Circolo Franco Miniussi.
Sono intervenuti, successivamente, la maestra Antonella Delbianco e Manuel Meraviglia titolare dell’omonima cartoleria che hanno fatto un breve escursus sulla nascita e sulla storia di questi corsi d’insegnamento dell’arte pittorica. Inoltre è ancora aperta la sottoscrizione per la Caritas San Lorenzo, si vogliono raggiungere i 2000 euro di raccolta. Infine il premio San Giuseppe che si tiene abitualmente il 19 di marzo è stato spostato al primo maggio quando sarà consegnato anche il premio non assegnato l’anno scorso.

© Voce Isontina 2021 - Riproduzione riservata
Il premio "S. Giuseppe" spostato al 1° maggio
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.