Monfalcone - Ronchi dei Legionari - Duino
stampa

"Ascoltare per amare" nella "Notte Caritas"

L’incontro 2018 ospitato a Maria Madre della Chiesa

Parole chiave: Notte Caritas (4)

"Ascoltare per amare" è stato il tema della "notte Caritas" 2018 che ha avuto sabato scorso 15 dicembre luogo nella chiesa di Maria Madre della Chiesa a Ronchi dei Legionari ed è stata presieduta dal vescovo Carlo.
Un tema che si lega alla iniziativa che la Caritas diocesana ha proposto alle comunità parrocchiali e a quanti, impegnati a vivere la carità, ne colgono le dimensioni nono solo assistenziali ma spirituali e umane.
Due le linee  di un unico pensiero: ascoltare, di nuovo, la parabola evangelica secondo Luca che risponde anche alla domanda di sempre  -"chi è il mio prossimo?" - e la riflessione biblica che si svolge alla luce del salmo 34 "Questo povero grida e il Signore lo ascolta", quasi a confermare che domanda e risposta si possono anche intercalare, ma tutte e due rendono ancora più reale l’impegno di ascoltare per amare e di amare mettendosi in ascolto.
Il tragitto dell’incontro - frequentato da alcuni gruppi di animatori della Caritas e di gruppi delle Caritas parrocchiali delle parrocchie di tutta la diocesi - si è svolto tutto dentro alla capacità ieri di Mosè di accogliere l’invito di Dio a rendersi utile per liberare il suo popolo ed oggi ad approfondire questo "ascolto" delle sofferenze dei poveri e degli ultimi, quelli di oggi come hanno aiutato i presenti le testimonianze di alcune persone dedicate cuore e anima a tale servizio nella Chiesa diocesana.
Un ascolto per la liberazione dal bisogno e dalle dipendenze, ma anche un ascolto alla ricerca di costruire e costruirsi una nuova esistenza da uomini liberi; un ascolto che dovrebbe sfociare anche nella individuazione di percorsi di riscatto e di miglioramento di tuta la società.
La risposta è sempre ardua, come conferma la testimonianza della Lettera di Giacomo che non lascia spazio al "volgere lo sguardo altrove" ma denuncia la smemoratezza che diventa indifferenza fino a rendere la fede o la religione "vana".
La risposta del quadro evangelico - commentata dall’arcivescovo monsignor Redaelli che ne ha tratto le urgenze- sta proprio tutta nel superare le divisioni di false impurità, nel mostrare "compassione e "nel avere cura", come sintesi personale e comunitaria, fino ad accogliere l’invito finale "Va e anche tu fa così". Allora è veramente Natale.

© Voce Isontina 2018 - Riproduzione riservata
"Ascoltare per amare" nella "Notte Caritas"
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.