Aquileia - Cervignano del Friuli - Visco
stampa

Tapogliano: una targa per don Antonio Marcuzzi

Riconoscenza per contemporanei? Rara.
Per gente che se n’è andata da un pezzo: fenomeno da mosche bianche.
Ma per don Antonio Marcuzzi (Tapogliano 1805 -Visco 1855), un bel ricordo c’è stato. Sulla sua casa natale di Tapogliano (ora abitata da Giuseppe - Pino - Marcuzzi) è stata posta una lapide che lo ricorda con le sue benemerenze.

Parole chiave: don Antonio Marcuzzi (1), targa (3), ricordo (58)

Infanzia difficile per la miseria; eccellenza negli studi; grande carità da pastore, distinto come ispettore scolastico, che si prodigò per l’istruzione, anche quella femminile; amò la scienza (socio della Società Agraria di Gorizia); assistette i colerosi a Joannis nell’epidemia del 1836 e a Visco in quella del 1855 che lo vide soccombere). Propugnò l’insegnamento del tedesco anche ai figli di povera gente, per far sì che nessun impiego nell’impero fosse loro precluso.
Ne ha parlato Ferrucco Tassin; ha benedetto la lapide mons. Ennio Tuni; ha salutato i numerosi presenti il sindaco di Campolongo e Tapogliano Cristina Masutto.
La manifestazione è stata promossa dal Circolo Don Clemente Corsig, dai Donatori di Sangue di Campolongo e Tapogliano, con il patrocinio del Comune

© Voce Isontina 2019 - Riproduzione riservata
Tapogliano: una targa per don Antonio Marcuzzi
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.