Cultura
stampa

"Per i nostri soldati" - Un discorso pronunciato ad Aiello un secolo fa

Il 22 novembre 1914, la nobildonna Therese Lapenna tenne una conferenza ad Aiello allo scopo di spingere l’opinione pubblica a sostenere le cause intraprese dalla benefica associazione.

Parole chiave: Therese Lapenna (1), Croce Rossa (3), Prima guerra mondiale (91)
"Per i nostri soldati" - Un discorso pronunciato ad Aiello un secolo fa

Therese Lapenna (1887-1920), di nobile stirpe, rimase orfana a dieci anni e fu presto accolta presso la famiglia dei Pace di Tapogliano con cui era imparentata.
Crebbe in un ambiente culturalmente fertile e fervido di iniziative: coltivò la poesia e la musica religiosa e l’intraprendenza del vicario don Giovanni Bertuso la convinse a donare il magnifico organo Rieger che ancora oggi, pur muto per i mancati restauri, fa bella mostra di sé sulla cantoria della chiesa tapoglianese. Inoltre, si dedicò al prossimo aderendo con totale dedizione alla Croce Rossa: il 22 novembre 1914, tenne una conferenza ad Aiello allo scopo di spingere l’opinione pubblica a sostenere le cause intraprese dalla benefica associazione. Eccone un ampio stralcio, letto e pubblicato in lingua friulana (anche se alquanto corrotta e già in parte italianizzata, priva dell’uscita in -a usata a Tapogliano e ad Aiello) che, a quel tempo, era un idioma diviso tra due bandiere, tra un regno ed un impero.

"Nela medesime ore in cui ala clamade del nestri augustissim Imperator, un esercit intir al si è drezzad in piis per difindi la Patrie minazzade - nela stesse ore, dis, un altri esercit si a fat indenant, a l’à fat sventolà une bandiere blanche, candide, segnade d’une Cros color di sanc.
Vo-altris lu cognossès, chist segno, lu ves viodud sulis puartis dai ospedai, sulis carozzis, sui vagons dei trenos, sui brazz dei miedis e delis muinis - e vo-altris, miei chars, savès anche ce che je la societàd dela Cros rosse, - ma ce che probabilmente non savares, a je l’origine di chiste istituzion plui che benefiche - necessarie, - la storia dal so nobil Fondator. […]
La Cros rosse austriache, che a la so Centrale a Vienne - si ocupe non solamenti dei soldaz feriz e amalaz, ma anche delis famejis dei reclamaz, e di chei che lassàrin la vite sul champ del onor. Durant i luncs agns benedez dela Pas, che an precedud la uere, la societad dela Cros rosse a ingrumad un biel capital, a emplad magazins intirs di material, a preparad montagnis di blancherie, e iezz e carozzis e automobi. A possed lazarez di champ, bastimenz trasformaz in ospedal per il traspuart dei feriz delis batajis di mar - e une cuantitad di ospedai di ogni provinze del’Austrie.
Nel moment in cui i prins canons tonàrin sui nestris confins, eco che lis scuelis, i chischei, i convenz - persin lis universitaz e i teatros, si gambiàrin in chasis di misericordie - eco che lis nestris arciduchessis mudàrin l’abit di sede in une semplice vieste di tele blanche ornade d’une crosute rosse, eco che i trenos di lusso si trasformàrin in tanch ospedai destinaz al traspuart dei nestris bravs soldaz feriz nel’interno dela Patrie.
Fradis mie, - nel mentri che la nostre valorose armade lotte cuintre il nemì, nel mentri che tanch dei nestris chars fradis ofrissin il propri sanc per la nestre libertad - no altris, lontans dai pericui, oltre che cul pinsir e cule preiere, dovin acompagnaiu anchiemò in altre maniere.
Lu savìn che plui di un zovin c’al è partit san e fuart e fresc come un flor, al nus ritonerà in Patrie, palid, debul - privad del plui gran ben, dela so salud. E savint un tant, si trate di preparai un biel e bon jett e dut ce che ocor per ricuperà lis fuarzis a un puor cuarp travaiat, bisugne procurà a che zovine anime scombussolade che jere tant vicin ala muart - dut ce chel pol puartai confuart e speranze gnove.
Duch lu san, purtrop, ce tant grandis che son lis spesis per un malat, imaginaisit cuindi la some enorme che la Cros rosse spind ogni dì per tanch ospedai che acetin i nestris feriz. Je bensi vere che i miedis e lis suoris dela Cros rosse no vegnin paiaz - ma bisugne calcolà li spesis del vivi - della blancherie, delis medisinis, di dute che infinitad di robe necessarie a un malat. E nò altris olìn che i nestris valoròs vèdin plui del necessari - spagnolez e libris e bielis chamesis gnovis, e tabac. Olìn che gioldin dopo di vè tant patid. Cuindi per grande che sedi la sostanze della Cros rosse - per granch che sèdin i sfuarz del governo - in chisch momenz culì l’è necessari, indispensabil, che ogni d’un di noaltris al sacrifichi pluci c’al pol per chist scopo veramenti sacro e che devi stanus a cur plui di ogni robe.
E jo in chiste zornade mi rivolzi a vo-altris duch e us prei a nom dela Cros rosse: No stufaisit di fa la caritat per i nestris soldaz.
Lu sai ben: vo altris ves dat, ves lavorat cun grande generosidad - ma non baste anchemò, parce che la uere terribil che dure za da plui di 4 mes continue simpri e anchemò nò altris anìn incuintre al inviàr. Lassù in Galizie i nestris bravs son esponuz a dutis lis intemperis - ale ploe, al vint, ala nev, ala glazz. - E tanch di lor no an nanche chel po di robe per taponasi necessarie al militar: la maje, lis chalzis di lane, la scuffe, i zenoglezz. - Eco la mission dela femine: preparà chistis robis; - e vo altris umigns e fantaz, ricuardaisit ogni volte che impiàis il spagnolett, che i nestris soldaz no an ce fumà! Si lèi tanch inviz sui sfuèjs di mandà tabac per lis nestris trupis - e jo ai vud in man la cartoline di un chapitani che combat in Galizie, il cual al declare: "Une spedizion di tabac significhe une zornade plene di ligrie per i nestris bravs soldaz."
Imaginìnsi un poc la sort dei nestris fradis: Lor son là in cualche chasute galiziane, dopo di ve marchad - forsi combatud dut il dì. Ven la gnot, puedin polsà un par di oris, - an fat un fregul di cene, - pan dur e char frede, e stan là donge il fuc, a schaldasi, feveland a basse vos del lor char pais lontan…son stracs, sfiniz, e plens di voe di torna chase. Eco che capite un tenent, puarte in man un gran pacc, al rid, l’è dut bead: "Coragio, fantaz, al dis, culì ves ce fumà - la buine int del vestri paiis nus ja mandat tabac - tabac per duch - Evive il Friul!" E i nestris soldaz fùmin, - fumin in grazie dela nestre caritad - no sintin plui di iessi stracs, ne di ve fred - son come i fruzz che an ricevud un bonbon - e nus benedissin.
Suvie fradis, in ogni paiis del nestri Friul chatares lis schatulis blanchis cula cros rosse che cognossès - son pichadis ta osteriis e in ta buteghis, e ogni volte che voaltris i passais donge, che crosute us rid e us prèe: Tu, che tu ses pari, mari, sur, fradi d’un soldat - deh un soldut,  un spagnolet per il tò char eroe lontan!
Lu san cussì ben i nestris soldaz ce c’al è il segno di confuart, e tantis voltis di salvezze per lor.
Eco la letere d’un ferit che si chate in un ospedal de la Cros rosse a Vienne:
"L’ere stas disperat, cuarp a cuarp il combatiment, nus va disint chist brav zovin, - e jo vevi viodud colà in tiare muart o ferit plui di un dei miei chars amis e compaigns - prime che la bale fatal vigniss anche a me. Finalmenti capite a mi a trapassami il pett. Jo non vevi plui timp di prea alore: un scors di sanc mi ven fur da mè boche e jo coli par tiare senze vite. Mi dismovi cuanche il sorèli va a mont.
La grande planure galiziane somee un cimiteri; è cuviarte di sanc, di muarz, di cadavers di chavai, di orors. Jo sint a zemi di ca, a zemi di là, a clamà aiut: mi sclope il cur, oress iudaiu, ma no puess, mi manche la fuarze di movimi, di vigni in ajud ai miei compagns di sventure, parce che il mal mi ten inclaudad al mio puest. L’è fred, sofle un vint chel passe tai uess, cidìne cidìne a cole la nev e poc a poc nus cuviarz, nus tapone. Di lontan sint tonà i canons e mi nacuarzi che il mio regiment l’a seguid il nemì e nus a lassat indaur. Chist significhe iessi piarduz. La me feride, continue a spissulà sanc; il sanc mi travase i vestiz, fas doventà rosse la nev a tor di me e jo sinti avicinasi la muart.
Alore scomenzi a preparami - foi un att di contrizion e racomandi a Dio la me chare femine, lis mes creaturis che devi lassà besolis in chist mond, senze podeju abrazà pal ultime volte. Fiat voluntas tua - jo muri per la Patrie, per il dovè - il Signor varà misericordie di lor. Bussi anchemò une volte la medae benedete che ai ator il cuel - mandi un ultima dio ai miei chars e sieri i voi. In chel moment une man pietose si poje sula me spale, une vos amabil mi fevele: "Coragio, fradi, tu ses salv! Viodi une suore, un miedi, dei soldaz - duch puartin il segno dela Cros rosse - e mi curin, mi medèin, mi dan di bevi, - mi traspuartin cun tanch altris in un lazaret, mi ridònin ala vite, ala me famee, sante, benedete, Istituzion dela Cros rosse!"
L’epoche in cui nò altris vivin cumò, o fradis, je triste, ma je anche grande. L’è vignud un timp nel cual nol je plui lecit di pensà nome per nò, per lis nestris famejis, bisugne che no-altris si inalzinis a un mud di pensà une vore plui vasto, une vore plui nobil: amà la Patrie plui che i nestris fioi, i nestris mariz, i nestris fradis - e non vaì nel’ore del sacrifizi, ma preà e lavorà. Dismenteà, bisugne il propri dolor, la proprie miserie che je tropis voltis pizzule in confront di chel grand sacrifizi di milions di lor, che si compìs da 4 mes sui champs di bataje.
Marie santissime, la mari adolorade alorchè il so divin Fi spirà sul len della cros, je non si a lamentad, je non è colade avilide sot il peso del dolor, - Marie a viart i brazz invece, j’à spalancad il cur; - per abrazzà cui? L’umanitad interie; duch chei che sufrissin, che vàin, che gemin. L’adolorade in chel moment a je doventade la mari dei malaz, dei purs, dei abandonaz…
Eco l’esempli: Mater juxta crucem: la Mari sot la cros del unigenit Fi, Marie nel ore del sacrifizi. Il so dolor c’al è grand come il mar, nol indurìs il so cur, no lu strenz - lu slargie invece, lu intenerìs. Il cur di Marie, che fò, per cussì dì, inclaudad sule cros con Gesù Crist, nol a orùd murì achemò, parce che saveve che la puare umanitad, i discepui del so Fi, duch chei che vevin amad Gesù varessin vud bisugne di je. Anche noaltris, o fradi e surs, olìn preà il Signore c’al nus judi a formà in nò un cur degn del epoche grande in cui sin clamaz a vivi. Cor novum crea in me Deus. Vierzìn lu chist cur - spalanchin lu; puartin cun coragio, cun entusiasmo la cros che nus impon la uere. E sedi chist il frut d’un terren bagnad di sanc e di lagrimis: Amor spirit di sacrifizi, concordie. Amor fraterno fra duch noaltris che cun vanto podìn clamasi fioi dal’Austrie, sudiz di Francesco Giuseppe, amor fraterno fra duch i abitanz di un pais - parce che il dolor comun al a fat che noaltris sin doventaz duch come une sole famee e per chist dovìn amasi, sopuartasi, judasi, in dut e daperdut.
Vin tanch nemis che nus minazzin di ogni bande, oh mei chars, culì a chase nestre olìn si ben al mancul! Une zornade, dopo la uere tornerà la Pas, cme il soreli che torne dopo la burasche, e noaltris, se vari lavoràd, sacrificad per la Patrie, per i soldaz, per i feriz, per lis famejis plui bisognosis, poderì dì alore: anche jo ai cooperad a chiste pas, anche jo ai fat il mio dovè. Fasin del ben adunche e fasin lu "In hoc signo", nel segno dela Cros di Gesù Crist e nel segno dela Cros rosse! E il Signor nus darà il premit prometud ai misericordiòs. "Beati sunt misericordes, quoniam ipsi misericordiam consequentur"".

"Per i nostri soldati" - Un discorso pronunciato ad Aiello un secolo fa
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.