Chiesa
stampa

Come sensibilizzare le nostre comunità sul tema del recupero di "chi ha sbagliato"?

Incontro a Zelarino dei cappellani, religiosi, rappresentanti dei volontari che operano nelle strutture carcerarie del Nordest

Parole chiave: sensibilizzazione (1), carcere (19), comunità (58)

Si sono incontrati nuovamente nei giorni scorsi a Zelarino (Venezia) - alla presenza dell’arcivescovo di Gorizia mons. Redaelli, delegato per tale ambito dalla Conferenza Episcopale Triveneto - i cappellani, le religiose e i rappresentanti dei volontari che operano nelle strutture carcerarie maschili e femminili del Nordest.
Al centro della riunione la riflessione e il dialogo tra i presenti su come sensibilizzare le comunità cristiane di questo territorio sul tema del recupero e del reinserimento sociale di "chi ha sbagliato" e, nello stesso tempo, come comunicare meglio e in modo più incisivo i segni di speranza e la "spinta evangelica" che muove l’azione pastorale della Chiesa in tale contesto per riuscire a toccare maggiormente le menti e i cuori della gente e quindi riuscendo anche ad intervenire e ad influire così sulla "mentalità corrente".
Si è osservato, nel corso del dialogo, che il Vangelo e le opere di misericordia corporali e spirituali hanno sempre una forza e un’autorevolezza proprie - che spesso percorrono "altre vie" e modalità rispetto al comune sentire - e hanno perciò una loro rilevanza che va valorizzata lasciando che "parli" alle menti e ai cuori.
Per il coordinatore triveneto dei cappellani delle carceri don Antonio Biancotto si tratta - soprattutto di fronte a questioni "calde" come la sicurezza, l’integrazione e le stesse preoccupazioni per l’identità nazionale - "di comprendere meglio le istanze e le paure che portano talora una parte della nostra gente ad avere una mentalità non pienamente evangelica. Bisogna riuscire ad entrarci dentro e poi magari si potrà aprire qualche porta e prospettiva nuova, dall’orizzonte evangelico più ampio".
L’incontro ha poi ripreso ed approfondito anche i temi rilanciati dal recente convegno nazionale - tenutosi a Montesilvano (Pescara) alla fine dello scorso mese di ottobre con la presenza di cappellani, religiose, operatori pastorali e volontari dell’intero Paese - a partire specialmente dalla questione della giustizia "riparativa" o "riconciliativa" e della relativa attività di "mediazione penale".
Le azioni in tal senso - più sviluppate sinora con i minori che non con le persone adulte - sono particolarmente delicati perché si tratta di operare favorendo forme di incontro, dialogo, vicinanza e riconciliazione tra vittime e colpevoli; c’è da consolare e toccare il cuore delle vittime purificandolo dall’astio o dal risentimento e c’è da agevolare la presa di coscienza del male arrecato in chi lo ha commesso (con la necessità di un recupero e di una riparazione da percorrere). E anche qui c’è, inoltre, un lavoro costante di sensibilizzazione da svolgere all’interno della comunità cristiana e nel più ampio contesto sociale.
La riunione triveneta di quanti operano nelle strutture carcerarie del Nordest è, infine, proseguita con uno scambio di esperienze e testimonianze su alcune iniziative realizzate localmente, di particolare impatto, e che hanno portato ad incrementare la conoscenza e i contatti delle comunità cristiane con le persone in carcere.

© Voce Isontina 2019 - Riproduzione riservata
Come sensibilizzare le nostre comunità sul tema del recupero di "chi ha sbagliato"?
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.