Gorizia
stampa

Il Museo della Grande Guerra si rinnova per il centenario

Il Museo di Borgo Castello si cambia d’abito ed è pronto ad indossare qualcosa di nuovo ed al passo con i tempi, senza però perdere la sua natura originaria.

Parole chiave: Museo Grande Guerra (1), centenario (25), Prima Guerra Mondiale (92)
Il Museo della Grande Guerra si rinnova per il centenario

È infatti iniziata una collaborazione con la Regione Friuli Venezia Giulia che lo porterà ad un riallestimento complessivo, volto a rinnovare e arricchire l’offerta museale, migliorandola e rendendola più fruibile anche attraverso soluzioni di tipo multimediale, che faciliteranno la fruizione anche per i disabili.
Il riallestimento, che vede appunto coinvolta la Regione direttamente come collaboratrice, è reso possibile da una deroga che quest’ultima ha stilato in favore dell’ente museale, altrimenti - come chiarito dall’assessore provinciale alla Cultura Federico Portelli - non sarebbe stato possibile organizzare nessun tipo di mostra. I lavori di restyling, che coinvolgeranno oltre agli apparati multimediali anche l’illuminazione, la parte strutturale delle teche e delle parti espositive, nonché un’implementazione delle parti tematiche meno trattate - come quelle legate al 1914, quando Gorizia era già in guerra per la sua appartenenza all’Impero Austroungarico -, avranno a disposizione un fondo di 50.000 euro da parte della Regione e 33.000 euro dalla Provincia di Gorizia.
A fare da filo conduttore al percorso espositivo rimarrà sempre l’uomo, figura centrale messa al cuore del percorso di riflessione - più che di commemorazione - sul conflitto, scelto con quell’allestimento del 1990 che venne inaugurato proprio dall’allora ministro dell’Istruzione e oggi presidente della Repubblica Sergio Mattarella. "Il riallestimento è significativo - ha dichiarato l’assessore regionale alla cultura Gianni Torrenti - poiché ci dobbiamo chiedere cosa porterà a casa chi esce da qui. Dobbiamo allora offrire una proposta significativa, di riflessione, ma al passo con i tempi".
Ad inaugurare questo rinnovamento, l’esposizione temporanea dell’inedito quadro di Giacomo Balla, "Dimostrazione Futurista". Il quadro, come spiegato dalla sovrintendente dei Musei Provinciali Raffaella Sgubin e dalla conservatrice del Museo della Grande Guerra Alessandra Martina, non è mai stato esposto prima, dal momento che - fino a pochi mesi fa - si trovava nascosto sotto uno spesso strato di vernice sul retro di un altro quadro, sempre di Balla. Un’attenta analisi ha portato ad individuare il quadro che, a seguito di un intervento di recupero durato più di un anno, è stato riportato alla luce. Il dipinto rimarrà esposto al Museo per cinque settimane, dopodiché inizierà un tour che lo porterà in varie città, tra cui a Milano nel corso dell’Expo 2015. Accanto al dipinto inedito, altre due opere di Balla e un allestimento a tema interventistico, con l’esposizione di una collezione di cartoline propagandistiche e lettere dal fondo donato dall’avvocato Carlo Morpurgo. L’allestimento sull’interventismo rimarrà visitabile fino a fine gennaio 2016.

Il Museo della Grande Guerra si rinnova per il centenario
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.