La Parola
stampa

Guarì molti che erano affetti da malattie

Mc 1,29-39
In riva al mare, dentro una sinagoga, in una casa: ogni posto è buono per incontrare Gesù e sentirne la chiamata. E ogni momento può essere l’ora giusta.

Parole chiave: Parola (70), Vangelo (102), commento (7)

In questo Vangelo è il sabato che inizia nella sinagoga e termina a casa di Simone e Andrea. Ogni luogo è adatto per l’incontro con Dio.
Dopo essere stato nella sinagoga, dove ha cacciato via uno spirito che opprimeva, Gesù entra nella casa di Pietro e si prende cura di un bisogno. Gli parlano della suocera a letto con la febbre e lui la guarisce. Gesù la rialza: è lo stesso verbo per dire la risurrezione. E la febbre la lasciò come se ne andranno via i demoni dagli indemoniati.
La guarigione della suocera di Pietro sembra un miracolo insignificante, se messo a confronto con le resurrezioni, le guarigioni strepitose, i demoni che fuggono, la moltiplicazione dei pani… Invece Marco la mette come il primo miracolo, a interpretazione di quelli che seguiranno.
Una volta guarita, ella li serviva. Dalla schiavitù del male alla libertà del servizio, come fu con l’esodo dall’Egitto. E il servizio è lo stile di ogni discepolo, sul modello di Gesù che si è definito come colui “venuto per servire”, non solo della sequela femminile.
La sinagoga e la casa di Pietro sono stati luoghi di lotta col male e di vittoria della parola di Gesù. Anche la casa è luogo sacro, dove la Parola può portar frutti ogni giorno se è il Signore a visitarla e abitarla, in mezzo ai cristiani suoi discepoli. Anche l’abitazione dell’uomo è luogo di lotta e di vittoria, di malattia e di ostacolo, di cura e di servizio misericordioso.
Sono molti i malati e gli indemoniati che vengono portati al Signore. Ma davanti a quella porta si era radunata tutta la città. Tutti hanno bisogno di essere salvati, liberati, guariti. Per la salvezza, la guarigione, la liberazione, bisogna passare per la porta che è Gesù. C’è gente davanti alla nostra porta? Anche noi siamo cercati? Da chi? Per che cosa?
Alla fine della sua prima giornata messianica, Gesù si ritira in preghiera, mentre è ancora notte. Lo farà sempre e altrettanto inviterà a fare, cercando un continuo dialogo con Dio. La preghiera non è uno strumento per ottenere qualcosa; è il modo per stare alla presenza di Dio.

© Voce Isontina 2019 - Riproduzione riservata
Guarì molti che erano affetti da malattie
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.