La Parola
stampa

Chi è "giusto" davanti a Dio?

Il commento al Vangelo di domenica 10 luglio 2016

La Liturgia ci invita a riflettere sulla centralità del Vangelo di Gesù: solo nell’amore autentico possiamo incontrare Dio.
La parabola del samaritano è la risposta a tanti nostri interrogativi. Chi è "giusto" davanti a Dio? Oggi non c’è più divergenza, tra i cristiani, sul fatto di riconoscere il primato di Dio nel rendere giusto l’uomo peccatore, il quale, se accoglie la grazia e si converte, mostrerà il cambiamento della sua vita proprio con le opere buone. La Fede, se è autentica, tende sempre a manifestarsi nell’amore, perché è accettazione della redenzione già avvenuta in Cristo Gesù. Chi dimostra amore verso gli altri, perciò, rivela Dio, rende manifesto il volto della sua giustizia: comunica una salvezza che le tecniche umane non sanno dare, costruisce vita proprio là dove queste tecniche falliscono. Solo trasformandoci nel samaritano che Gesù è diventato tale per noi, possiamo incontrare veramente Dio nella nostra esistenza. La parabola del samaritano, narrataci dal Vangelo, vuole insegnarci questo: il senso ed il valore della nostra vita non stanno nelle conquiste scientifiche, tecnologiche o economiche, non stanno neppure nel formale rispetto di norme esteriori, ma in un agire che ci avvicina a Dio. Lo stile cristiano di vivere ha come modello di riferimento l’agire come Gesù, che è per noi "immagine del Dio invisibile".

© Voce Isontina 2021 - Riproduzione riservata
Chi è "giusto" davanti a Dio?
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.