Società
stampa

Un’esperienza costruttiva, una maggiore consapevolezza delle difficoltà

Valentina negli scorsi mesi ha svolto presso la Caritas diocesana di Gorizia il suo tirocinio formativo universitario: un’occasione nella quale si è impegnata con entusiasmo, offrendo il suo contributo nei servizi operativi

Parole chiave: tirocinio (1), teatro (120), carcere (34), Gocce di Carità (47)
Un’esperienza costruttiva, una maggiore consapevolezza delle difficoltà

Prima di cominciare questo tirocinio, ammetto ero un po’ dubbiosa: sì, mi ero informata sui vari servizi che forniva la Caritas diocesana di Gorizia, per capire se la mia figura potesse rientraci, ma non sapevo cosa aspettarmi, chi aspettarmi, come agire nel meglio, quali sarebbero stati gli obiettivi da raggiungere, insomma non avevo le idee molto chiare; sotto sotto avevo anche un po’ di timore poiché non sapevo se poteva essere un ambito giusto per me, quindi non sapevo nemmeno se potevo essere veramente d’aiuto e lasciare un bel ricordo.
Ma era una realtà a me nuova che volevo conoscere e vivere, per avere un’esperienza in più che mi aiutasse ad avere maggior consapevolezza sulla marginalità sociale.
Beh, posso dire con contentezza che tutti i miei dubbi iniziali si sono trasformati in un’esperienza da ricordare e tenere nel cuore.
Ho avuto modo di conoscere Persone, non solo delle figure professionali, che mi hanno fatta sentire come se le conoscessi già da tempo, che mi hanno dato disponibilità, che mi sono venute incontro, mi hanno insegnato e mi hanno permesso sempre di mettermi in gioco, che non è cosa affatto scontata.
Ho avuto modo di fornire il mio aiuto in più realtà: il Centro di Ascolto, gli Empori della Solidarietà e dell’Infanzia e lo sportello del Consiglio Italiano per i Rifugiati, luoghi di cui ho capito l’importanza, poiché danno la possibilità di aiuto e indirizzamento verso una soluzione delle problematiche che le persone possono incontrare in un momento della loro vita.
L’Emporio della Solidarietà mi ha insegnato quanto sia importante non sprecare ed essere consapevoli riguardo le tematiche legate all’alimentazione, alla durata dei cibi e ad una spesa effettuata evitando gli eccessi e i conseguenti sprechi. Infatti, poiché uno degli obiettivi è proprio il valore educativo, ho cercato di far interiorizzare questo concetto anche ai clienti, chiacchierando con loro durante la spesa.
L’Emporio dell’Infanzia invece mi ha insegnato che ogni bambino, durante la fanciullezza, deve avere il diritto di non sentirsi diverso dai suoi pari, infatti grazie ad esso bambini e adolescenti posso avere indumenti, giochi e libri gratuiti.
Un principio che lega gli Empori è quello di accompagnare le persone che utilizzano questi servizi verso una migliore gestione del proprio budget spesa, consentendo così loro di acquisire maggior consapevolezza e sicurezza, nonché di evitare di investire il proprio budget in spese e prodotti eccessivi o non strettamente necessari.
Il Centro Di Ascolto invece mi ha insegnato che c’è sempre una finestra di ascolto che può indirizzare e aiutare economicamente, cercando però di far interiorizzare che si parla di emergenza, non di soluzione a lungo termine (senza dimenticare che è l’ufficio dove si può richiedere la tessera per accedere agli Empori).
Ciò che ho potuto vedere è che molti prendono questo servizio come riferimento, per cui è difficile veicolare a tutte le persone che arrivano a cercare una soluzione più stabile, anche attraverso la collaborazione con i Servizi socioassistenziali, ma d’altronde il Centro Di Ascolto è lì anche per aiutare a comprendere questo.
Lo sportello del Consiglio Italiano per i Rifugiati invece mi ha insegnato che esiste un ponte tra persona in difficoltà e Stato, un canale che permette a chi non sa come muoversi, di apprendere un metodo e avere contatti a cui far riferimento, un servizio che, grazie al lavoro dell’avvocato e dei due volontari, permette di risolvere situazioni che rischierebbero di essere un continuo vagabondare senza meta e crescita.
Anche se il tempo a disposizione è stato poco, ho vissuto un’esperienza costruttiva che mi ha aiutata molto a portare chiarezza e maggior consapevolezza sulle mie nozioni e sui miei pensieri riguardanti le condizioni di criticità e povertà della marginalità sociale: è una realtà che da sempre esiste e purtroppo continuerà ad esistere, ma grazie ai servizi forniti da Caritas diocesana ci sono varie opportunità di ripresa e di risalita, poiché tutti hanno diritto ad avere una vita dignitosa e serena.
Grazie a questo tirocinio ho capito quanto sia importante educare la Comunità a conoscere la marginalità in modo più approfondito, poiché fino a quando non si vedono con i propri occhi, non si toccano con le proprie mani e non si sentono con le proprie orecchie determinate condizioni di vita, non si può interiorizzare la realtà dei fatti.
Per questo motivo ringrazio molto la Caritas diocesana di Gorizia di avermi dato questa possibilità di crescita, professionale e personale.

_____________________________________________________________________________

"Ho risposto sabbia": i detenuti diventano attori

Ancora una volta la Caritas diocesana di Gorizia si pone accanto al mondo del carcere.
Accompagnando il messaggio di una detenzione che sia crescita e miglioramento di sé e non pena fine a sé stessa, sostiene la Compagnia teatrale Fierascena nella riproposizione del suo spettacolo "Ho risposto sabbia", con regia di Elisa Menon, portato in scena all’interno del cortile della casa Circondariale di Gorizia questo sabato 15 ottobre.
Lo spettacolo, realizzato con il sostegno oltre che di Caritas diocesana anche della Fondazione Carigo e di Enaip FVG, è frutto di un laboratorio teatrale che proprio Enaip ha promosso nella struttura da febbraio e che ha avuto debutto in giugno, sempre nel cortile del carcere. In quell’occasione però non fu possibile aprire ad un pubblico esterno la partecipazione alla recita; la direzione ha dunque deciso di realizzare una replica, per dare la possibilità agli spettatori che ne hanno fatto richiesta di prendervi parte.
La Casa Circondariale con quest’evento prosegue un percorso - iniziato con Fierascena nel 2016 - che, attraverso eventi di arte, cultura e il Festival biennale di Teatro e Arte del carcere "Se io fossi Caino", mira ad offrire alla popolazione detenuta strumenti di formazione, occasioni di crescita personale, reinserimento sociale, momenti di educazione civica e sensibilizzazione e, nel contempo, vuole coinvolgere un pubblico trasversale con proposte teatrali selezionate tra le più interessanti a livello nazionale, momenti divulgativi con esperti del settore, laboratori teatrali con esiti finali aperti al pubblico.

______________________________________________________________________________

Donazioni
Emporio dell’Infdanzia
L’Emporio dell’Infanzia di via del Faiti 15b a Gorizia, lancia un appello: cerca infatti scarpe da ginnastica e per la mezza stagione, tanto per bambino/a, quanto per ragazzi/e, dal numero 34 in su.
Avrebbe inoltre bisogno di intimo nuovo, da 1 a 13 anni. Sono infine sempre ben accette le donazioni di zaini e zainetti e di indumenti, in particolare per i 5-6 anni d’età.
L’Emporio è operativo ogni venerdì dalle 16 alle 18.

© Voce Isontina 2022 - Riproduzione riservata
Un’esperienza costruttiva, una maggiore consapevolezza delle difficoltà
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.