Società
stampa

La vergogna e la pietà

Ostaggi di una guerra ibrida tra il regime di Lukashenko che, strumentalizzando la crisi umanitaria, minaccia di bloccare il transito di gas verso l’Europa, e la destra populista polacca, in procinto di edificare il muro anti-migranti

Parole chiave: Polonia (1), Bielorussia (7)
La vergogna e la pietà

Kuznica, villaggio rurale della Podlachia, da settimane è sorvegliato speciale. Dalla polizia di frontiera polacca schierata a bloccare i passaggi illegali del confine da parte dei profughi mediorientali attirati nella vicina Bielorussia di Lukashenko con l’inganno. In cambio dell’assicurazione che sarebbero entrati in Europa, quasi 4.000 migranti in fuga dai martoriati Paesi d’origine hanno raggiunto Minsk con il sogno di approdare, attraverso la Polonia, nella terra promessa. L’Europa democratica, delle libertà e dei diritti. Da giorni, prelevati dai militari bielorussi che li ammassano alla frontiera, si ritrovano schiacciati nel braccio di ferro tra Minsk e Varsavia: respinti indietro dai cannoni d’acqua sparata dalle guardie polacche e risospinti verso il confine dalle intimidazioni con cui il regime bielorusso li tiene sotto scacco servendosene quale arma di pressione sull’Ue, potenzialmente esplosiva di conflitti fomentati sulla pelle degli ultimi.
La domanda si ripropone netta: "E’ questo un uomo?". Bambini, donne e uomini intrappolati nella foresta di Bialowieza -che si estende tra le due nazioni- sono all’adiaccio, senza acqua e senza cibo, esposti a rigide temperature, tra le querce e gli abeti del bosco protetto dall’Unesco. Ostaggi di una guerra ibrida tra il regime di Lukashenko che, strumentalizzando la crisi umanitaria, minaccia di bloccare il transito di gas verso l’Europa, e la destra populista polacca, in procinto di edificare il muro anti-migranti. L’indignazione, sacrosanta, espressa dai vertici dell’Europa democratica riecheggia lontana dalla linea di confine. La condanna e lo sconcerto per la violazione dei diritti umani non bastano più. Non bastano sulla frontiera orientale, non bastano lungo la rotta balcanica e quella mediterranea. Non essendo più sostenibile che, alle porte dell’Europa patrimonio di valori non negoziabili, si compia l’ennesima infamia, nell’aria gelida alienata dalle sirene che la polizia polacca non disattiva, a stordire le lunghissime notte dei disperati accampati tra la natura arborea un tempo sacra agli dei.
Non potendosi più considerare un’emergenza gli sbarchi e gli arrivi dei richiedenti asilo, è tempo, per un’Unione europea all’altezza dei suoi principi fondativi, di adottare una responsabile politica comunitaria nella gestione dei flussi migratori, sin qui demandati ad azioni intergovernative. Il rispetto della dignità umana lo pretende. Lo hanno compreso e lo mettono in pratica civili cittadini di Kuznica e di altre comunità a ridosso della frontiera polacca, dove la pietà è cosa viva: non confinata in un fuggevole quantunque sincero compatimento, si è fatta strada dentro l’umida foresta, passando attraverso la "no entry zone" vietata alle organizzazioni umanitarie e ai media. Dove i giornalisti non hanno accesso, nella zona in cui, impedita la documentazione della brutale, scomoda realtà, ha libero campo la manipolazione, volontari e attivisti polacchi si sono inoltrati per portare, ai bisognosi, viveri e assistenza. Gesti di calda umanità che incarnano la fratellanza. Che si aggiungono alle lanterne verdi accese nelle case polacche situate nei pressi dell’area off limits per segnalare, ai pochi richiedenti asilo che oltrepassano il reticolato di filo spinato, che in quelle abitazioni troveranno una prima accoglienza. Di contro ai ricatti ed ai muri eretti dalla paura e dalla discriminazione, bandiere sventolate da nazionalismi che sulla trasformazione dell’altro in nemico si reggono e prosperano.
La notte oscura dei tribolati si rischiara se confidente nelle fiaccole di carità, nelle mani che si aprono alle attese di quanti cercano, nei loro simili, esseri umani capaci di esserlo.

© Voce Isontina 2021 - Riproduzione riservata
La vergogna e la pietà
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.