Società
stampa

IV^ domenica di Avvento: "Famiglia" - Gocce di Carità

Prosegue il cammino verso il Natale

Parole chiave: Gocce di Carità (43), Avvento (81)
IV^ domenica di Avvento: "Famiglia" - Gocce di Carità

"Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa. Infatti il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo […]" (Matteo 1,20)
Giuseppe accogliendo Maria nella sua vita accoglie anche il Figlio che porta in grembo e prendendosi cura di loro forma la famiglia.
Famiglia, è il luogo dove veniamo accolti, dove tra le braccia di una madre sentiamo il primo tepore di quel corpo che ci nutre e ci ha dato la vita.
Dove facciamo i primi passi, impariamo a cadere e rialzarci, aiutati da chi con attenzione ci offre la mano per sostenerci.
La famiglia è il luogo dove, dopo aver combinato qualche guaio, si corre per trovare rifugio, dove si viene capiti, anche previo qualche scapaccione ben meritato.
È il luogo, forse l’unico, dove ci è permesso sbagliare e recuperare l’errore, senza essere giudicati e condannati, ma corretti.
È il conforto delle nostre ansie e paure in attesa di diventare grandi e quello della nostra educazione dove impariamo a rispettare gli altri, gli anziani, le persone fragili; il luogo in cui viviamo. Anche da grandi rimane il nostro punto di riferimento, la madre che sempre ci accoglie e sul petto della quale poggiamo il nostro capo, quasi a voler rientrare in quel luogo sicuro che è stato il suo grembo.
Famiglia, bene inestimabile che bisogna coltivare, sostenere perché insostituibile, luogo dove ci sentiamo amati non per quello che siamo riusciti a fare, ma soltanto perché siamo figli.
Un amore disinteressato di cui abbiamo sempre bisogno, anche quando siamo grandi e con i capelli grigi e le rughe, ma quell’abbraccio e quell’amore non riusciamo mai a dimenticarlo, neanche quando siamo ammalati e diciamo mamma.
Ecco che questo luogo è veramente importante e necessario per qualsiasi persona, soprattutto per i giovani, i giovani di oggi che in questi tempi così particolari hanno bisogno di amore, di attenzioni, di educazione, di sostegno e di quell’accoglienza che toglie la paura di sentirsi soli, la paura dell’abbandono e di quel senso di protezione che nella famiglia si può trovare.

_______________________________________________________________________________

Messa per i volontari

Giovedì 23 dicembre, ore 18, presso la chiesa di San Valeriano a Gradisca d’Isonzo si terrà la tradizionale messa per tutti i volontari Caritas presieduta dall’Arcivescovo Carlo.
Un momento per le Caritas di incontro, vicinanza e preghiera comunitaria con il tradizionale scambio degli auguri.

_______________________________________________________________________________

San Nicolò è venuto a trovarci in città

Lunedì 6 dicembre per la prima volta la Caritas diocesana insieme alla Croce Rossa di Gorizia ha voluto "invitare" San Nicolò per donare alcuni pensierini a tutti i bambini che lo venivano a salutare e nel porgere i doni ricordava loro la sua storia ed il motivo dei regali.
Non tutti sanno che San Nicolò è chiamato anche il Santo della carità proprio per la sua bontà nell’aiutare gli ultimi soprattutto i bambini.
Una tradizione sentita in particolare nel nord Italia e nel nord Europa, ma che ha radici lontane che negli anni è stata rivista, modificata secondo il sentire del paese dove veniva ricordato fino a trasformarsi in quello che tutti festeggiano come Babbo Natale.
Abbiamo voluto rivivere la tradizione di San Nicolò perché come Caritas abbiamo a cuore i bambini e desideriamo essere loro vicini. Inizialmente l’evento era pensato in Transalpina per poter incontrare anche i bambini della vicina Nova Gorica con la collaborazione dell’associazione Humanitarno društvo Kid, ma viste le restrizioni legate al contenimento del Covid 19 che vigono in Slovenia non si è potuto realizzare.

_________________________________________________________________________________

Vicinanza concreta
Nel periodo in preparazione al Natale le persone desiderano essere segno di vicinanza ancora più forte e concreto verso le persone in difficoltà; per questo ringraziamo i signori B.F. e N.G per aver donato 1.000 euro a favore del Fondo Scrosoppi aiutando così una famiglia in difficoltà economica a causa del Covid - 19. Ringraziamo di cuore anche la Città Solidale Società Cooperativa Sociale di Staranzano che ha donato 1.000 euro per l’Emporio della Solidarietà di Monfalcone.

© Voce Isontina 2022 - Riproduzione riservata
IV^ domenica di Avvento: "Famiglia" - Gocce di Carità
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.