La Parola
stampa

Senza perdono donato non c’è armonia nel cuore umano

VI^ Domenica Tempo Ordinario - 1Samuele 26,2.7-9.12-13.22-23; 1Corinzi 15,45-49; Luca 6,27-38

Parole chiave: Parola (152), Vangelo (187)

Il volto del cristianesimo risplende nelle dinamiche umane. Questi versetti di Luca incastonati nel capitolo sesto sono come delle perle che risplendono e nel contempo pietre che fanno male.
È una pagina che va tenuta sempre presente ogni qual volta la cronaca pone alla nostra attenzione gesti e atti fuori dall’agire umano e segnati da crudeltà, ferocia e cattiveria.  
La liturgia anticipa, già in questa settima domenica del tempo ordinario, quello che possiamo definire il “taglio vitale” da ricercare e da effettuare.
Taglio vitale nel senso della vita quotidiana che è chiamata ad assumere una prospettiva evangelica, in Cristo: amate i nemici, benedite coloro che vi maledicono, dà a chiunque ti chiede. Sono frasi che invitano a spogliarci di tutte quelle giustificazioni e facili compromessi che di certo troviamo a ogni espressione, come controparte.
Taglio vitale anche nell’ottica del “dare un taglio” con i perpetui ripensamenti e insicurezze, il continuo rimandare le scelte, il nascondersi dietro frasi fatte tipo “bisogna essere santi per vivere queste parole”.
La proposta di vita posta in tutta la Bibbia è talmente possibile e umana che anche i santi sono riusciti a viverla. Come a dire: quelli che oggi chiamiamo i giganti della fede, non sono nati santi, ma sono stati uomini e donne del loro tempo.
La storia della Chiesa e della vita personale di ciascun uomo è costellata di episodi, esempi ed avvenimenti che testimoniano che il linguaggio di Gesù non è duro e impossibile, ma esigente e possibile. Quelle che l’evangelista riporta in questo brano non sono espressioni dualiste e contraddittorie. È un invito a ritrovare senso e direzione al vivere umano, perché senza perdono donato, amore disinteressato e relazione gratuita non vi sarà mai armonia e unità nel cuore dell’uomo. È proprio nell’amare il nemico che ritrovo pace interiore, perché se non amo, perdono, dono con gratuità e fede, vivrò sempre a metà, diviso, insoddisfatto, capace di compiere gesti più forti di quelli subiti.
Ecco perché si dice che amore e perdono disarmano.
Fra pochi giorni, nel mercoledì delle ceneri, sentiremo quelle ceneri che verranno poste sul capo come la costante iniziativa di Dio nei confronti di ogni uomo.
Sarà Pasqua di risurrezione nel piccoli momenti di risposta dell’uomo a Dio.

© Voce Isontina 2022 - Riproduzione riservata
Senza perdono donato non c’è armonia nel cuore umano
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.