La Parola
stampa

Pentecoste

Il commento al Vangelo di domenica 15 maggio 2016

La grande festa di Pentecoste porta a compimento il cammino della Pasqua.
La liturgia ci regala due brani del Vangelo, uno per la Vigilia, uno per il giorno di Pentecoste.
Nel primo brano lo Spirito è paragonato all’acqua che disseta. Sappiamo bene che, senza acqua, non esiste vita. Senza lo Spirito non esiste vita divina e la nostra Fede inaridisce come nel deserto. Spesso, nella nostra vita, attingiamo acqua a ciò che non disseta, ad acqua salata.
Lo Spirito è l’unico che ci fa dissetare perché ci conduce alla sorgente della felicità che è Dio.
Dovremmo imparare ad invocare quotidianamente lo Spirito Santo! Facciamo fatica perché, spesso, non riusciamo a capire questa "forza", questa "energia", questa "presenza" dentro la nostra vita!
Lo Spirito è il dono di Gesù risorto ai suoi discepoli, che permette a coloro che lo accolgono di poter incontrare il Risorto nella propria vita, ricordare ed attualizzare le sue parole, annunciare la forza del Vangelo.
Lo Spirito Santo è la "dynamis" della nostra vita interiore!
Nel secondo brano del Vangelo siamo invitati a scorgere la presenza dello Spirito nella concretezza del nostro essere cristiani.
Ci che emerge è lo stretto legame tra il dono dello Spirito ed un profondo cambiamento di vita, quello a cui Gesù invita gli uomini e le donne di ogni tempo. È una conversione fondata su quell’amore che è una realtà al tempo stesso sfuggente e fortemente presente. Sperimentiamo quanto poco ci basti, a volte, per mostrare amore sincero e solidarietà autentica. Altre volte, ci accorgiamo di essere fragili e incostanti e, se non siamo troppo orgogliosi, ci rendiamo conto che abbiamo bisogno di essere amati.
La vita nello Spirito non è altro che questo scambio reciproco di amore fraterno, che torna tutto a vantaggio della nostra gioia. È nello Spirito che il credente trova la forza per amare, "per fare dell’altro un valore talmente grande da dare la vita" (cit. mons Ermanno Lizzi).  Concludiamo con una invocazione: "Vieni, Spirito Santo, ravviva la nostra speranza! Donaci di superare ogni fallimento, ogni persecuzione e ogni sconfitta. Fa’ di noi una Chiesa che vive sotto lo sguardo di Dio e sfugge ad ogni logica di potere e di successo. Non permettere che cediamo a calcoli di riuscita terrena. Vieni, Spirito Santo, trasmettici la forza e la perseveranza perché possiamo percorrere fedelmente i sentieri tracciati da Gesù senza paura e pieni di gioia. Amen".

© Voce Isontina 2019 - Riproduzione riservata
Pentecoste
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.