La Parola

stampa

Domenica scorsa, con la parabola dei due debitori, il Vangelo ha gettato luce sulla compassione di Dio per le assurde pretese che abbiamo su noi stessi e sugli altri; il Padre è un Dio che condona debiti che sa non restituibili, per insegnarci a non pretendere l’assurdo da noi e dagli altri.

Cosa farà con noi il Padre se non perdoneremo di cuore?

Due domeniche fa, rispondendo a Simone che gli aveva detto “Tu sei il Cristo”, Gesù gli aveva risposto “Tu sei Pietro”.