Musica, Sport & Spettacoli
stampa

Ma è possibile la divulgazione dell’arte attraverso il cinema?

Nona edizione per Aquileia Film Festival

Parole chiave: Aquileia Film Festiva (7), cinema (15), archeologia (20), storia (8)
Ma è possibile la divulgazione dell’arte attraverso il cinema?

Si apre con l’anteprima di martedi 24 luglio alle 21.00 in piazza Capitolo ad Aquileia la nona edizione dell’Aquileia Film Festival, la rassegna del cinema archeologico realizzata dalla Fondazione Aquileia in collaborazione con Archeologia Viva, Firenze Archeofilm e il patrocinio del Comune di Aquileia.
Martedì 24 luglio una serata speciale realizzata in collaborazione con Arte.it, Nexo Digital e SKY Cinema d’Arte dedicata alla divulgazione dell’arte attraverso il cinema: alle 21.00, a ingresso libero, la proiezione in piazza Capitolo di "Caravaggio - l’Anima e il Sangue", il film che ha da poco vinto il Globo d’Oro come miglior documentario dell’anno e che racconta la vita, le opere e i tormenti del geniale artista. Seguirà una conversazione con Laura Allevi, sceneggiatrice del film, Roberta Conti, responsabile comunicazione Sky Cinema dArte e Eleonora Zamparutti direttore editoriale di Arte.it
Mercoledì 25, giovedì 26 e venerdì 27 luglio il sito Unesco di Aquileia sarà animato da tre serate di cinema, archeologia e grandi divulgatori intervistati da Piero Pruneti, direttore di Archeologia Viva: in concorso una selezione di documentari scelti tra il meglio della produzione cinematografica internazionale a tema archeologico e storico tra i quali il pubblico voterà il vincitore del Premio Aquileia, un mosaico realizzato dalla Scuola Mosaicisti del Friuli.
Gli spettatori viaggeranno nella Mesopotamia settentrionale, cuore dell’impero assiro insieme agli archeologi delle numerose missioni che vi scavano e nella Libia degli anni Sessanta attraverso la testimonianza del grande archeologo Antonino Di Vita. Ci sarà poi la possibilità di percorrere un itinerario alla scoperta del popolo degli Etruschi, di spostarsi sugli altopiani iraniani di Persepoli e nel deserto peruviano dove i Mochica hanno costruito immense piramidi di argilla.
Ospiti di questa edizione mercoledì 25 luglio il Generale Fabrizio Parrulli, Comandante dei Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale che porterà la testimonianza di chi è in prima linea nella tutela del patrimonio culturale, dalle ultime operazioni condotte per contrastare il traffico illegale di opere d’arte e l’azione dei caschi blu della cultura in zone di guerra e in caso di emergenze.
Giovedì 26 l’ospite sarà Valentino Nizzo, etruscologo, da poco più di un anno alla guida del Museo Etrusco di Villa Giulia che potrà raccontare le sfide legate alla promozione e valorizzazione di un grande museo e venerdì 27 ritorna sul palco di piazza Capitolo Alberto Angela, da anni amico del Festival, che parlerà di diulgazione culturale e dei suoi segreti per portare la cultura in prima serata con ascolti da record.
L’ingresso alla manifestazione e libero e gratuito e, in caso di pioggia, le proiezioni si svolgeranno nella Sala Romana affacciata su piazza Capitolo (capienza della sala 240 persone, ritiro biglietti all’ingresso fino a esaurimento posti dalle 20 il giorno della proiezione).

© Voce Isontina 2023 - Riproduzione riservata
Ma è possibile la divulgazione dell’arte attraverso il cinema?
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.