Musica, Sport & Spettacoli
stampa

40 anni di "Premio Amidei"

Il ricco palinsesto offrirà 40 opere cinematografiche proiettate al Palazzo del Cinema - Hiša Filma e nella nuova location, la centralissima Piazza della Vittoria

Parole chiave: Premio Amidei (4), sceneggiatura (3)
40 anni di "Premio Amidei"

Ritorna, dal 23 al 29 luglio a Gorizia, il Premio "Sergio Amidei" con un intenso programma di premi, eventi, incontri, riuniti nell’abbraccio tematico di "Memorandum" per celebrare la 40^ edizione della manifestazione nell’anno in cui ricorrono anche i 40 anni dalla scomparsa di Sergio Amidei.
Organizzato dall’Associazione culturale "Sergio Amidei" in partnership con il Dams - Discipline dell’audiovisivo, dei media e dello spettacolo, Corso interateneo Università degli Studi di Udine e Trieste e dall’Associazione Palazzo del Cinema-Hiša Filma, il Premio Internazionale alla Migliore Sceneggiatura "Sergio Amidei" 2021 sceglie il termine "Memorandum" - in latino "degno di essere ricordato" - per celebrare il passato con una forte propensione al ricordo, ma con l’idea che da quelle basi venga creato un "memorandum" per il futuro.
Il palinsesto si articolerà con un’offerta costituita da 40 opere cinematografiche proiettate al mattino e al pomeriggio al Palazzo del Cinema - Hiša Filma, presso le sale del Kinemax Gorizia e negli spazi della Mediateca.GO "Ugo Casiraghi", e la sera nella nuova location, la centralissima Piazza della Vittoria.
L’intenso programma vedrà l’alternarsi dei tre premi principali - il Premio Internazionale alla Migliore Sceneggiatura "Sergio Amidei", il Premio all’Opera d’Autore e il Premio alla Cultura Cinematografica - a mini rassegne, presentazioni di libri con proiezioni abbinate, incontri con gli autori e l’appuntamento per i più piccoli, l’Amidei Kids. Tutt’attorno un corollario di mostre, eventi speciali ed eventi collaterali.

I sette titoli in corsa per la vittoria
Perno della manifestazione goriziana, il Premio internazionale alla migliore sceneggiatura "Sergio Amidei, conferito alla sceneggiatura che più si distingue per originalità e per la capacità di sperimentare nuove formule narrative, oltre che per l’attenzione alla realtà sociale e ai temi emergenti del mondo contemporaneo, vede in quest’edizione in corsa per il prestigioso riconoscimento sette titoli europei distribuiti durante la stagione cinematografica 2020 - 2021 selezionati come d’abitudine dalla giuria composta dalla sceneggiatrice Doriana Leondeff, i registi e sceneggiatori Francesco Bruni, Massimo Gaudioso e Francesco Munzi, il regista Marco Risi, la produttrice e Presidente di Giuria Silvia D’Amico e l’attrice Giovanna Ralli.
Le pellicole in corsa per la vittoria sono "Un altro giro", sceneggiatura di Thomas Vinterberg e Tobias Lindholm, "Il cattivo poeta" con sceneggiatura e regia di Gianluca Jodice, "Est - Dittatura Last Minute", sceneggiatura e regia di Antonio Pisu, "The Father - Nulla è come sembra" con sceneggiatura di Christopher Hampton, Florian Zeller, "Miss Marx", sceneggiatura e regia di Susanna Nicchiarelli, "Non odiare", sceneggiatura di Davide Lisino e Mauro Mancini, "Volevo nascondermi", con sceneggiatura di Giorgio Diritti e Tania Pedroni.

Gli altri riconoscimenti
Per i 40 anni del Premio Amidei il Premio all’Opera d’Autore 2021 andrà al regista Pupi Avati.
Al riconoscimento, attribuito a grandi autori che si sono cimentati nel cinema e nell’immagine, che hanno saputo distinguersi come artisti completi con una particolare attenzione nell’ambito della scrittura, della sceneggiatura e della narrazione, si affiancherà una retrospettiva curata assieme al regista stesso per offrire al pubblico una panoramica la più completa possibile della sua opera.
Il Premio alla cultura cinematografica 2021 - riconoscimento attribuito a personalità, enti e realtà della cultura che abbiano saputo ampliare, divulgare e condividere pubblicamente il sapere cinematografico attraverso diversi strumenti a partire dalla critica, fino alla letteratura, dalla divulgazione scientifica fino al coinvolgimento popolare - sarà attribuito a Piera Detassis, fondatrice della rivista cinematografica "Ciak" e direttrice artistica dell’Accademia del Cinema Italiano - Premi David di Donatello.
Per il programma completo degli appuntamenti, comprensivo di tutte le sezioni speciali, tavole rotonde, incontri con gli autori e approfondimenti è disponibile al sito www.amidei.com.
L’ingresso a tutti gli incontri e proiezioni e libero fino a esaurimento dei posti a sedere, ma soggetto alle norme vigenti in merito all’emergenza sanitaria. La prenotazione non è necessaria: si invita il pubblico ad arrivare in anticipo per consentire le procedure di registrazione.

© Voce Isontina 2021 - Riproduzione riservata
40 anni di "Premio Amidei"
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.