Editoriali
stampa

Non sono morti bianche

"...Si tratta di vite umane spezzate proprio là dove avrebbero dovuto trovare tutela, protezione e dignità"

La cronaca degli ultimi giorni ha richiamato ancora una volta anche nella nostra regione l’emergenza morti sul lavoro.
La conferma dell’ampliarsi della piaga viene dall’analisi della media mensile per il 2021 che registra quasi cento vittime: il 10% sono donne, madri, figlie, mogli e sorelle.
La pandemia ha obbligato a disegnare l’Italia “a colori”.
Ma ha anche insegnato che i colori possono raccontare l’emergenza proprio nei luoghi di lavoro.
L’Osservatorio Sicurezza sul Lavoro Vega Engineering di Mestre – che elabora statistiche su infortuni e morti sul lavoro e offre corsi di formazione sulla sicurezza – ha deciso di utilizzare gli stessi colori per descrivere le tragedie che si consumano nella quotidianità lavorativa.
A finire in zona rossa nei primi otto mesi del 2021 con un’incidenza maggiore del 25% rispetto alla media nazionale (Im=Indice incidenza medio pari a 27,1 morti ogni milione di lavoratori) sono: Puglia, Campania, Trentino-Alto Adige, Basilicata, Umbria, Molise, Abruzzo e Valle D’Aosta. In Zona Arancione: Piemonte, Marche e Friuli-Venezia Giulia. In Zona Gialla: Lazio, Calabria, Emilia-Romagna, Sicilia e Veneto. In Zona Bianca: Toscana, Lombardia, Liguria e Sardegna.
Si tratta di vite umane spezzate proprio là dove avrebbero dovuto trovare tutela, protezione e dignità.
A fronte di questo quadro il pensiero va alla Costituzione che, all’art.117, pone la tutela e la sicurezza del lavoro sotto la potestà legislativa dello Stato e delle Regioni.
Da qui si passa alla Legge 81/08, o Testo Unico sulla sicurezza, con gli opportuni aggiornamenti.
Le norme esistono ma l’elenco delle persone morte e rese invalide non accenna a diminuire e all’ondata di emotività sembra far seguito perlopiù quella della rassegnazione alla fatalità.
Prendere la parola perché altri non corrano lo stesso rischio è una sensibilità culturale e un compito sociale che i media possono stimolare a patto che ripensino il modo di raccontare.
Proprio a chi opera nei mezzi di informazione è indirizzato l’appello “Non chiamatele più morti bianche” a firma di Marco Bazzoni operaio metalmeccanico e rappresentante dei lavoratori per la sicurezza a Firenze.
Queste morti, scrive Bazzoni sul settimanale e quotidiano on line Riforma, “non sono mai dovute al fato o al destino cieco e beffardo ma si determinano perché in molti luoghi di lavoro non si rispettano le minime norme di sicurezza. Vi sono delle responsabilità dietro ogni singola morte”.
La lotta per la sicurezza appartiene anche a una società che, fuori dai recinti delle fabbriche e dei cantieri, ha a cuore la vita che scorre dentro.
Paolo Bustaffa

© Voce Isontina 2022 - Riproduzione riservata
Non sono morti bianche
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.