Editoriali
stampa

Gorizia è altro

La vicenda dei manifesti apparsi nei giorni scorsi sui muri del Polo liceale in lingua slovena di Gorizia merita di non essere minimizzata o ridotta - come qualche commentatore ha ritenuto di dover fare giustificandola - ad una semplice questione interna al mondo studentesco cittadino.

Parole chiave: manifesto (1)

Quei manifesti sono figli di un momento politico di mancanza di riferimenti e di confusione come l’attuale in cui un diffuso revisionismo porta nuovamente in auge gesti e parole di un periodo che speravamo rilegato ormai ai soli libri di storia: a farla da padrone è la sterile nostalgia di chi non possiede la capacità e l’intelligenza di vivere l’oggi, rimanendo ancorato - per incapacità personale o per mero tornaconto elettorale - ad un ieri che ha segnato uno dei momenti più bui nella storia del nostro Paese.
Paghiamo, oggi più che mai, la perdita della memoria storica: il passato, prossimo o remoto, viene raccontato (o imposto?) alle giovani generazioni da youtuber e influencer nei social network, senza mediazioni che offrano una chiave di lettura per quanto possibile oggettivamente fondata che permetta di distinguere le fake-news dalla realtà.
La città di Gorizia ha nel suo DNA gli anticorpi per non ricadere vittime delle contrapposizioni e delle divisioni - tacite o espresse . che ne hanno segnato l’esistenza per lunghi decenni dopo la fine del secondo conflitto mondiale.
"Noi e loro" è stato uno slogan che ha alimentato troppo a lungo l’idiozia di chi non ha saputo fare altro che innalzare muri, lungo le piazze e le strade e nel cuore delle persone. Un atteggiamento, fortunatamente, sconfitto dalla capacità profetica di quegli uomini e di quelle donne che, di qua e di là del confine Italo-jugoslavo prima e Italo-sloveno poi, hanno creduto (nonostante le difficoltà e le incomprensioni provenienti da ambo le parti) che solo nel dialogo era possibile raccogliere l’eredità di quella Gorizianita che nell’incontro di genti e culture, di lingue e fedi diverse aveva trovato la propria ragione d’essere.
Per questo oggi è importante vigilare perché ogni singolo atto che incita alla divisione ed all’odio venga condannato sin dall’inizio. Da qualunque parte esso provenga e verso chiunque sia diretto.
Nel campo di concentramento di Dachau una scritta ricorda che “Quelli che non ricordano il passato sono condannati a ripeterlo”. Un monito, purtroppo, sempre attuale.

© Voce Isontina 2019 - Riproduzione riservata
Gorizia è altro
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.