Editoriali
stampa

Condividere: un gesto sapiente

Si celebra domenica 16 dicembre, 3^ di Avvento,  in tutte le comunità della diocesi, la Giornata della Carità.

Aristotele, nella Metafisica, afferma che gli uomini hanno incominciato a filosofare solo dopo aver risolto i problemi della propria sopravvivenza. Sono andati alla ricerca del senso del loro esistere, del perché fondamentale delle cose, della sapienza insomma, solo quando hanno potuto affrancarsi dai bisogni primari (nutrirsi e coprirsi): prima erano troppo impegnati a sopravvivere per poter riflettere profondamente, per poter meravigliarsi di fronte allo spettacolo del mondo e della vita.
Aristotele ha ragione: è indubbio che molte speculazioni e filosofie sono frutto di elucubrazioni possibili solo avendo a disposizione tempo e risorse. Ma esiste anche una forma di saggezza che viene dal basso.
Una forma di sapienza del cuore che parte dall’esperienza dura e quotidiana della finitezza, dell’essere fragili, che ci accomunano tutti. Grazie a questa sapienza del cuore riusciamo a "sentire" che gli altri sono come noi, che tutti abbiamo bisogni e paure.
Da qui nasce la comprensione umana, la compassione, la condivisione: il condividere con gioia il poco che si ha, ed il poco che si è, con gli altri.
Qualcuno obietterà che questa è una visione idilliaca, irreale; che la coscienza dei propri bisogni non rende più propensi ad aprire le proprie mani per condividere, ma semmai a chiuderle per tenere per sé. Può anche succedere... ma ci sono pure esempi opposti, e sono tanti, di persone che continuano, nella nostra società definita egoista e superficiale, a donare quanto possono a chi è meno fortunato di loro. E se nel nostro Paese ci siamo al momento risparmiati grossi conflitti sociali in questo periodo di crisi economica e morale, il merito va anche a coloro che sanno ogni giorno privarsi di qualcosa per condividerlo con gli altri.
Questi, che operano per lo più nel silenzio, contribuiscono a costruire la civiltà dell’Amore molto di più di quelli che riflettono nell’isolamento di un pensiero solitario.

© Voce Isontina 2018 - Riproduzione riservata
Condividere: un gesto sapiente
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.