Editoriali
stampa

Capitali culturali per un futuro da costruire - Prestolnici kulture za izgradnjo prihodnosti

"L'annuncio di venerdì scorso non giunge però per caso. Segna il punto di arrivo del profetico impegno di uomini e donne che negli ultimi settant'anni hanno saputo essere profeti del dialogo anche quando questo veniva visto con sospetto e diffidenza"

Capitali culturali per un futuro da costruire - Prestolnici kulture za izgradnjo prihodnosti

La scelta di Nova Gorica e Gorizia quali capitali europee della cultura per il 2025 rappresenta, indubbiamente, un'opportunità davvero importante non solo per le due città ma anche per l'intero territorio bagnato dal fiume Isonzo.

L'annuncio di venerdì scorso non giunge però per caso. Segna il punto di arrivo del profetico impegno di uomini e donne che negli ultimi settant'anni hanno saputo essere profeti del dialogo anche quando questo veniva visto con sospetto e diffidenza non solo dai rispettivi governi ma anche in ambito locale; la profezia di lavorare insieme ed impegnarsi per la realizzazione di una memoria condivisa capace di leggere le vicende storiche vissute in questo angolo d'Europa alla fine del secondo conflitto mondiale non come motivo di divisione e di scontro ma come incentivo per realizzare un domani diverso di riconciliazione e di pace.

Mai come in questo periodo – segnato dal lockdown generato dalla pandemia in corso e dai divieti che hanno interrotto il flusso delle persone fra Italia e Slovenia – abbiamo compreso cosa abbia veramente significato il venire meno del confine. Di quel confine materiale imposto per quasi mezzo secolo dalle idiozie degli uomini asserviti alle ideologie ad una terra che per millenni aveva fatto dell'incontro e confronto fra diversità culturali e linguistiche la propria ricchezza.

La scelta di Nova Gorica e Gorizia come capitali europee della cultura obbliga, però, a non fermare lo sguardo unicamente al passato: sarebbe una nostalgia tanto inutile quanto sterile, appagante solo per chi – chiamato a gestire la cosa pubblica – considera come obiettivo del proprio impegno unicamente il record di like sul proprio profilo social. L'occasione di valorizzazione colpevolmente perduta dal nostro territorio in occasione del centenario della fine del primo conflitto mondiale deve essere monito per evitare che certi insuccessi si ripetano.

Le due città dell'Isonzo sanno di avere un'occasione davvero unica per costruire, insieme, un futuro di cui possano beneficiare, in primo luogo, le nuove generazioni e che possa aiutare a superare quella crisi (economica e sociale) che le ha accomunate soprattutto dal momento della caduta del confine all'inizio di questo millennio.

Le Chiese di Gorizia e Koper sono pronte a fare la loro parte in questo impegnativo itinerario. Come hanno sottolineato i vescovi Jurij e Carlo nella dichiarazione comune di venerdì scorso, la cultura di queste nostre terre è “segnata in modo fondamentale dalla storia della Chiesa aquileiese di cui le nostre due comunità ecclesiali sono figlie nella fede”. Quella Chiesa aquileiese che aveva saputo divenire riferimento per così ampia parte della MittelEuropa ed oltre.

Quella del 2025 è una sfida che non può essere persa: serviranno senz'altro tanta fantasia ma anche tanta fatica. Ma ne varrà senz'altro la pena.
Jurij Paljk, direttore Novi Glas
Mauro Ungaro, direttore Voce Isontina

_____________________________________________________________________________

Izbira Nove Gorice in Gorice za evropsko prestolnico kulture leta 2025 je brez dvoma pomembna priložnost ne samo za obe mesti, ampak za vse področje, ki ga povezuje reka Soča.

Novica, ki smo jo prejeli minuli petek, ni naključna. Gre za dosežek vseh tistih preroških žena in mož, ki so bili v minulih sedemdesetih letih preroki dialoga, tudi v časih, ko so na dialog sumničavo in z nezaupanjem gledali ne samo obe osrednji vladi, ampak tudi na krajevni ravni. Preroška sta bila skupno delo in skupni napor, da se pride do skupnega spomina, ki ne bil bil vzrok novih delitev, ampak bi bil sposoben razbrati zgodovinska dejstva ob koncu druge svetovne vojne na tem koščku Evrope in bi bil spodbuda za snovanje drugačnega in na spravi ter miru slonečega jutrišnjega dne.

Še nikdar doslej se nismo zavedeli, tako kot smo se v sedanjem času karantene zaradi pandemije s koronavirusom in prepovedi prehajanja meje prebivalcev iz Slovenije in Italije, kaj je pravzaprav pomenila odprava meje. Tiste meje, ki je bila vsiljena za skoraj pol stoletja zaradi norosti ljudi, ki so stregli ideologijam, in to ozemlju, ki je tisočletja imelo vir bogastva prav v srečevanju in soočanju različnih kultur in jezikov.

Izbira Nove Gorice in Gorice za evropsko prestolnico kulture nas zavezuje, da se ne oziramo samo v preteklost: to bi bila nepotrebna in jalova nostalgija, ki bi nagradila samo tiste, ki so poklicani, da upravljajo javne zadeve, a si to predstavljajo samo z rekordnim nabiranjem “všečkov” na svojem računu na socialnem omrežju. Prav dejstvo, kako se je po lastni krivdi zapravilo priložnost ovrednotenja našega področja ob stoletnici prve svetovne vojne, mora biti opomin, da se podobne neuspešne zgodbe ne ponovijo.  

Mesti ob Soči vesta, da imata edinstveno priložnost za skupno izgradnjo prihodnosti, katere blagodejnosti naj bodo deležni v prvi vrsti mladi rodovi, in predvsem take prihodnosti, ki bo pomagala premostiti krizo, tako družbeno kot gospodarsko, ki je lastna obema mestoma od odprave meje v začetku tega tisočletja.

Goriška in primorska Cerkev sta pripravljeni, da svoje prispevata na tej zahtevni poti. Kot sta poudarila škofa Jurij in Carlo v skupni izjavi minuli petek, je kultura našega ozemlja “zaznamovana v temeljih z zgodovino Cerkve Ogleja, ker sta obe naši krajevni Cerkvi hčerki oglejske Cerkve v veri”. Govorimo o oglejski Cerkvi, ki je temeljnega pomena za večji del Srednje Evrope in za širše evropsko ozemlje.

Leto 2025 pomeni izziv, ki ne sme biti izgubljen: potrebno bo seveda veliko domišljije, a predvsem trdega dela.

A vse to se bo gotovo izplačalo.

Mauro Ungaro, odgovorni urednik tednika Voce Isontina 

Jurij Paljk, odgovorni urednik tednika Novi glas

© Voce Isontina 2021 - Riproduzione riservata
Capitali culturali per un futuro da costruire - Prestolnici kulture za izgradnjo prihodnosti
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.