Monfalcone - Ronchi dei Legionari - Duino
stampa

Una vettura per l’infermiere di comunità

Partita di solidarietà fra esponenti dell’associazionismo ed i politici locali

Parole chiave: infermiere di comunità (2), automobile (2)

Se ci sono delle iniziative che proprio non devono mancare nelle nostre comunità, sono quelle di solidarietà.
Sì, perché fanno crescere e ben sperare per il futuro. Anche questa volta, protagonista  di questa manifestazione, è stata l’associazione Settembre in Vita. Vale la pena ricordarlo: questa realtà sostiene con numerose azioni concrete i malati oncologici e ha sede - insieme ad altre associazioni - al primo piano dell’ Ospedale S. Polo dove si trovano collocati i servizi del Distretto Sanitario Basso Isontino. Cogliendo l’occasione del primo trofeo dedicato alla memoria del politico Walter Sepuca, l’associazione ha consegnato ufficialmente l’auto destinata al servizio dell’infermiere di comunità operante nel rione di Panzano.
Una vettura che renderà dunque possibile lo spostamento del personale infermieristico che opera attraverso il servizio domiciliare.
Prima dell’inizio della partita per la vittoria del trofeo, ha avuto luogo la cerimonia "istituzionale" con l’inno d’Italia suonato dalla banda della città alla presenza del sindaco Anna Cisint, l’assessore allo sport Francesco Volante e di diversi politici locali tra i quali è spiccata la presenza del presidente della Regione Massimiliano Fedriga che ha ricordato la figura di Walter Sepuca. Presente anche il dottor Michele Luise come direttore del distretto sanitario. Special guest per l’occasione, il giornalista sportivo Bruno Pizzul. A benedire la "Suzuki infermieristica" è stato il direttore diocesano per la pastorale della salute don Mirko Franetovich affiancato da don Mario Malpera.
Don Mirko ha portato anche i saluti dell’arcivescovo mons. Redaelli. "Proprio in questi giorni papa Francesco ha incontrato i partecipanti all’assemblea generale dell’accademia per la vita dove ha sottolineato che la sapienza sta nel considerare la qualità della vita in tutte le sue fasi. Infatti se ci pensiamo c’è una vita umana concepita, in gestazione, venuta alla luce, bambina, adolescente, adulta, invecchiata e consumata....per chi crede c’è anche una vita eterna. Esiste una vita che è famiglia e comunità, una vita che è invocazione e speranza. Esiste una vita fragile e malata, ferita, offesa, violentata e scartata ma che è pur sempre vita. Questa va amata e seguita. Direi che il lavoro bello della vita è quello di accompagnare e curare tutti È quello che vogliamo dire oggi benedicendo questo automezzo; è dono di Dio attraverso l’opera dell’uomo e serve per servire l’uomo, quello più fragile che è al primo posto nel cuore di Dio e che non può aspettare. Ci fa correre senza delegare o rimandare ad altri. È questa la sensibilità che fa buona la società" ha affermato il sacerdote nella sua riflessione. Dopo il momento religioso la disputa del match. Sul campo da gioco due squadre: quella di Settembre in Vita - Unicef contro i politici.
Ad aggiudicarsi la vittoria del trofeo nella competizione sportiva, la squadra delle associazioni che ha battuto per 4 a 2 due i politici.
Al di là del risultato, l’iniziativa ha emozionato tanti per la forza che l’amicizia e la socializzazione mettono in campo tra le persone.
Anche attraverso il nostro settimanale, "Settembre in Vita" intende ringraziare tutti coloro che erano presenti alla manifestazione, dimostrando il loro supporto e la loro vicinanza. Prima di tutto la famiglia Sepuca, il sindaco di Monfalcone, il presidente della regione, l’assessore e direttore del distretto Luise, da sempre al fianco della vita associativa; il presidente delle sezioni alpini della provincia di Gorizia Paolo Verdoliva; il giornalista Bruno Pizzul che ha introdotto la partita dando lettura  delle formazioni scese in campo; UNICEF, Associazione Nazionale Carabinieri, Protezione Civile, Croce Rossa, I.P.A. di Monfalcone, CAM Arte Musica, Confcommercio Ascom Mandamento di Monfalcone e molte altre persone alle quali sta a cuore il bene comune.

© Voce Isontina 2018 - Riproduzione riservata
Una vettura per l’infermiere di comunità
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.