Monfalcone - Ronchi dei Legionari - Duino
stampa

Un caffè per San Giuseppe

L'iniziativa in favore della chiesa parrocchiale e del ricreatorio

Parole chiave: sostegno (19), parrocchia (20), ricreatorio (18)
Un caffè per San Giuseppe

Da domenica 10 febbraio, per tutte le seconde domeniche del mese, ha avuto inizio l’iniziativa proposta dalla comunità di Largo Isonzo a Monfalcone ed intitolata "Un caffè per San Giuseppe".
L’iniziativa - nata ispirandosi al progetto di sostentamento all’ex asilo parrocchiale di via Roma - mira a raccogliere i fondi per la manutenzione della chiesa parrocchiale  e del ricreatorio "Monsignor Foschian".
Al termine delle celebrazioni della seconda domenica di ogni mese, vengono raccolte dunque le donazioni a sostegno dell’iniziativa. Saranno possibili anche delle erogazioni liberali che si potranno versare sul conto corrente intestato al "Circolo Noi" della locale parrocchia.
Nelle scorse settimane hanno avuto luogo diversi lavori.
Dalle piccole manutenzioni a quelle più impegnative. Il lavoro più corposo è stato quello della sostituzione degli infissi dell’oratorio messa in opera da una ditta specializzata. E ancora: lavori di giardinaggio e di tinteggiatura delle sale interne, hanno coinvolto tanti volenterosi che si sono messi al servizio della comunità.
Se tutto procederà al meglio, nella giornata del Santo Patrono, il 19 marzo, verranno inaugurate le restaurate strutture. Una notizia buona fatta di tanti gesti buoni all’insegna della cura comune.
La prima raccolta, ha già fruttato la sostanziosa cifra di 515 euro.
Un bel gruzzolo per cominciare.
"Loro" ci mettono il cuore e questo deve fare notizia.
È un bell’insegnamento: rianimiamo i cuori!

© Voce Isontina 2019 - Riproduzione riservata
Un caffè per San Giuseppe
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.