Monfalcone - Ronchi dei Legionari - Duino
stampa

Un Memoriale dedicato a tutte le vittime dell’amianto

Allestito negli spazi dell’ex albergo operai come doveroso omaggio alla memoria di chi ha pagato con la vita l’utilizzo di materiali portatori di malattie cancerogene

Parole chiave: memoriale (2), amianto (8), vittima (3)
Un Memoriale dedicato a tutte le vittime dell’amianto

Il museo allestito all’ex-albergo operai del cantiere da una settimana ospita anche il memoriale di quanti -colpiti dalla malattia provocata dall’amianto- hanno pagato con il prezzo della vita l’utilizzo di materiali e di tecniche di lavoro portatrici di malattie cancerogene.
Un giusto riconoscimento che avviene a seguito dei procedimenti giudiziari e - ci si augura - di una nuova e rinnovata coscienza della centralità della salute nella vita e sul lavoro.
Dopo scontri ideologici ed esasperazioni elettoralistiche, animi pacati e parole pensate hanno accompagnato una cerimonia finalmente unitaria guidata dal sindaco della città dei cantieri, Anna Maria Cisint, che ha fatto gli onori di casa presentando la felice conclusione dell’iniziativa che vede dedicato alle vittime un luogo di memoria.
Una coscienza condivisa - pur nelle diversità anche di presa d’atto della gravità del problema e della gestione cittadina di una piaga sociale così grave ed invalidante- che merita di essere sottolineata a dimostrazione che un tema come quello della salute e del bene delle persone non può diventare arma elettorale, mai.
Al di là di errori o limiti di precedenti scelte ed iniziative che, comunque, avevano dimostrato la vicinanza della comunità tutta alle  persone ed alle loro famiglie e non avevano certo messo da parte l’impegno per nuovi rapporti fra città e industria e per diverse relazioni sindacali.
Il Museo, con l’apertura solenne del memoriale delle vittime dell’amianto, insegna che il coinvolgimento non è solo di Monfalcone ma del territorio provinciale e regionale, senza dimenticare l’apporto di oprerai provenienti da altri Paesi e Stati.
Infine, il dramma dell’amianto riguarda anche altre categorie riguardanti diversi altri lavori; anche loro -soprattutto le donne coinvolte spesso solo per il fatto di avere lavoro le divise di lavoro dei propri cari- vittime di sofferenze proprie e dei propri familiari.
In questo senso, il "museo della memoria" rappresenta sì una vigorosa risposta della città -e pensiamo altrettanto di diverse responsabilità imprenditoriali e direzionali, nonchè sindacali- che si fa interprete del dramma del lavoro e testimone di non abbassare la guardia nei confronti dell’utilizzo di materiali da costruzione e di tecniche il cui controllo è affidato al senso di umanità e di giustizia.
La responsabilità politica, poi, è di tutti, dell’intera comunità.
Un passo da costruire nella sua interezza in modo che si costituisca un profilo nuovo e diverso di istituzione e di presidio.
Il resto, che è tanto, deve essere fatto dalla comunicazione che non può sottrarsi alle sollecitazioni ma è chiamata a ristabilire le distanze senza solleticare nessuno a mostrare un volto rapace o nascondersi dietro alle ipocrisie.

© Voce Isontina 2018 - Riproduzione riservata
Un Memoriale dedicato a tutte le vittime dell’amianto
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.