Monfalcone - Ronchi dei Legionari - Duino
stampa

La festa dell’Oio Bisiac all’insegna della solidarietà

Grazie alla raccolta nelle case private, prodotti due ettolitri di olio confezionati in 800 bottiglie

Parole chiave: olio bisiac (2), raccolta fondi (8)

La "Festa dell’Oio Bisiac" è giunta ormai alla sua terza edizione, un evento nel corso del quale le persone hanno avuto l’opportunità di comprare l’olio isontino. Un gruppo di circa venti volontari opera ormai dal 2009 sul territorio e raccoglie le olive dagli alberi delle case private. Queste successivamente vengono portate il giorno stesso della raccolta all’istituto agrario di Cividale, dove avviene la spremitura e la produzione dell’oio Bisiac.
La raccolta e produzione di olio ha luogo ogni anno tra ottobre e novembre e i volontari cercano di venderlo entro il 10 dicembre di ogni anno, in modo tale da donare il ricavato delle vendite alle associazioni isontine nel periodo natalizio. Il ricavato viene solitamente assegnato a quelle associazione che operano sul territorio e che aiutano le famiglie e le persone più bisognose.
Lo scorso fine settimana ha avuto luogo la "Festa dell’Oio Bisiac" presso il cortile interno del Circolo Acli di Ronchi dei Legionari, un’occasione grazie alla quale i volontari hanno cercato di raccogliere ulteriori fondi da destinare alle associazioni, attraverso la vendita dell’olio prodotto quest’anno.
L’annata non è stata molto buona, in quanto solo il venti per cento delle olive degli alberi da cui viene effettuata la raccolta è stato utilizzato per la produzione di olio, a causa dell’azione della mosca olearia. Sono stati prodotti quest’anno due ettolitri di olio che è stato confezionato in ottocento piccole bottiglie.
Nella mattinata di sabato ha avuto luogo la conferenza con Paolo Partigiani "Alberi e Olive" e alcune aziende isontine, quali una di Selz e una di Fogliano, hanno allestito dei banchi per la degustazione del proprio olio. Domenica invece la festa è stata allietata dalla musica della banda "Verdi" e da un gruppo musicale di Trieste.
Il Circolo Acli di Ronchi è sempre vicino alla comunità ronchese e alle sue esigenze e cerca di riunirla frequentemente attraverso la promozione di eventi diversi, mirati ad aiutare le persone bisognose. Sabato scorso infatti è stata organizzata anche la tradizionale "Castagnada", un momento di condivisione per il gruppo cristiano e un’occasione dedicata al ricordo dei soci scomparsi.
La Messa delle 17.30, presso la Parrocchia di San Lorenzo, è stata accompagnata dal coro "CAI" di Monfalcone e nel corso della celebrazione sono stati commemorati i soci e i famigliari scomparsi.
In seguito, nel giardino esterno della sede dell’ACLI, si è tenuta la castagnata con la degustazione del vino ribolla, organizzata dal Circolo grazie anche al patrocinio della locale Pro Loco. È proseguita la raccolta di fondi, promossa dal circolo ACLI, per la realizzazione di un progetto mirato in favore della cittadina di Amatrice: sono stati raccolti oltre 150 euro. Nel corso di questi mesi sono stati accumulati ben 4300 euro per le popolazioni colpite dal terremoto.

© Voce Isontina 2019 - Riproduzione riservata
La festa dell’Oio Bisiac all’insegna della solidarietà
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.