Monfalcone - Ronchi dei Legionari - Duino
stampa

Il "Bobolar d’oro" premia l’impegno ambientale

Il riconoscimento assegnato al dottor Fabio Perco

Parole chiave: Bobolar d'Oro (1), premio (60)
Il "Bobolar d’oro" premia l’impegno ambientale

È ormai giunto all’edizione numero 27 il "Bobolar d’Oro" manifestazione organizzata dalla locale Pro Loco con il supporto del Comune, che assegna il premio a persone, enti, associazioni o istituzioni che con la loro azione hanno operato o operano a favore del singolo, della comunità o che hanno contribuito, con i loro meriti, a far meglio conoscere Staranzano (è bene ricordare che il premiato non viene scelto dalla Pro Loco ma da una commissione esterna composta da "7 saggi " rappresentativa di tutti i cittadini).  
Un pomeriggio nell’accogliente teatro dedicato a San Pio X, iniziato all’insegna del buon umore con il comico, imitatore, fantasista Flavio Furlan proveniente da Zelig e Colorado che ha coinvolto tutti gli spettatori presenti (il teatro era sold out) nelle sue varie interpretazioni.
Poi si è arrivati al momento clou della giornata, non prima di aver ascoltato il saluto di alcuni ospiti tra cui il sindaco Riccardo Marchesan, il parroco don Paolo Zuttion e il presidente delle Pro Loco della Venezia-Giulia Giancarlo Blasini, il vice presidente della BCC di Staranzano Roberto Grassetti e il Consigliere regionale Diego Moretti.
Il sindaco ha consegnato il sigillo Terenziano, un riconoscimento del Comune per il lavoro i volontari, spesso in silenzio operano  per il bene della conunità. Quest’anno i riconoscimenti sono stati assegnati a Macrì Simone e Giorgio Vittori.
Poi si è passati ai premi "Bobolar 2018", Gian Guido Bellan, presidente della Pro Loco di Staranzano, ha avuto il piacere di consegnare il premio "Bobolar Junior" a Beatrice Riù e finalmente dopo una lunga attesa, è stato svelato il nome del vincitore del Bobolar d’oro 2018, il dottor Fabio Perco, premio ritirato dalla moglie e dalla figlia, con questa motivazione: "Attivo nel campo scientifico ma anche in quello artistico, doti che ha posto a favore della comunità staranzanese, mettendo a disposizione le sue profonde conoscenze nel campo zoologico e ambientale. Tra i padri fondatori dell’Ambito di Tutela Ambientale dell’Isola della Cona prima, e poi della Riserva Naturale Regionale Foce dell’Isonzo, ha legato il suo nome e tanta parte della sua attività professionale alla zona umida alla foce del Fiume Isonzo, divulgando in Italia e nel mondo l’area protetta di Staranzano, sia come consulente scientifico della Riserva che come responsabile/coordinatore della SBIC Stazione Biologica dell’Isola della Cona".
Perco zoologo, laureato a Trieste nel 1975, naturalista, illustratore e saggista, docente in università italiane e straniere, ideatore di importanti progetti di tutela e fruizione di habitat naturali, instancabile animatore e divulgatore della biodiversità, ha contribuito a far conoscere Staranzano e il Centro Visite dell’Isola della Cona ad un pubblico internazionale, come dimostrato da importanti riconoscimenti europei e internazionali ottenuti dalla Riserva.

© Voce Isontina 2019 - Riproduzione riservata
Il "Bobolar d’oro" premia l’impegno ambientale
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.