Gorizia
stampa

La festa della Patria del Fiuli

Sarà Gorizia ad ospitare, domenica 7 aprile, la "Festa della Patria del Friuli", evento che, annualmente, valorizza il patrimonio storico, linguistico e culturale di un intero territorio.

Parole chiave: Friuli (5), festa (79)

Gorizia si può definire "la culla della friulanità" da quel lontano 1001 quando l’imperatore Ottone III la donò al patriarca di Aquileia. "Tenevamo molto ad ospitare a Gorizia la Festa della Patria del Friuli" - ha commentato il sindaco Rodolfo Ziberna - per i tanti motivi che da sempre la vedono "cerniera" tra lingue, culture e territori".
Il presidente dell’Agenzia Regionale per la Lingua Friulana, Eros Cisilino, ha anche ricordato le importanti figure della cultura e letteratura che gravitarono su Gorizia e sul goriziano, come Pietro Zorutti, Celso Macor e Graziadio Isaia Ascoli. "Sono molto contento che la Fieste si svolga nella capitale del "Friuli di Soreli Jevât", poiché può anche essere stimolo per tutti i corregionali a riscoprire la friulanità dei goriziani, che si esprime quotidianamente fino al ridosso del confine".
La giornata inizierà alle 9.45 in Piazza Vittoria con l’incontro dei partecipanti, l’esposizione della bandiera del Friuli e la partenza del corteo, accompagnato dal Gruppo bandistico "Tita Michelàs" di Fiumicello. Alle 10.30, alla chiesa di San Rocco, si terrà la Santa Messa in Lingua friulana, con letture e preghiere anche in sloveno e tedesco, concelebrata dai rappresentanti delle tre Diocesi del Friuli e accompagnata dal Coro parrocchiale "Santa Lucia" di Borgo San Rocco.
Dopo la Messa, alle 11.30 presso la Sala Incontro, si terrà la cerimonia civile con l’esecuzione dell’inno ufficiale del Friuli "Incuintri al doman", eseguito dal quintetto femminile Artevoce Ensemble, a cui seguirà lo scambio della bandiera del Friuli, che verrà consegnata al sindaco di Gorizia da un rappresentante del Comune di Valvasone Arzene, ospite della Festa 2018. I figuranti dell’Associazione Arma Antica di Gorizia daranno poi lettura della Bolla dell’Imperatore Enrico IV, che rappresenta l’atto fondativo della Patria del Friuli.
La cerimonia sarà anche l’occasione per premiare le scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado vincitrici dell’8^ edizione del concorso "Emozions furlanis in viaç pal teritori", promosso dall’Ufficio Scolastico Regionale ed ARLeF.
A chiudere l’evento, l’arrivo della Staffetta per il Friuli che, partita alle 9.30 da Mariano, giungerà a Gorizia, dopo aver coinvolto un centinaio di corridori.
Numerosi sono gli eventi collaterali e anticipatori della Festa della Patria del Friuli, lungo tutta la settimana e nel pomeriggio di domenica, a Gorizia e in tutto il Friuli.
Per il programma completo, è possibile consultare il sito www.arlef.it.

© Voce Isontina 2019 - Riproduzione riservata
La festa della Patria del Fiuli
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.