Aquileia - Cervignano del Friuli - Visco
stampa

Pellegrinaggio giubilare: l’impegno di essere comunità di misericordia

L’esperienza vissuta da un gruppo di fedeli della parrocchia a Roma: l’emozione dell’udienza con papa Francesco in piazza San Pietro e la visita alla cappella Redemptoris Mater

Parole chiave: pellegrinaggio (69), giubileo (37), misericordia (16)

In occasione del Giubileo della Misericordia, la Parrocchia di Cervignano, con la competente collaborazione di Paola Nannetti, ha organizzato un pellegrinaggio a Roma dal 20 al 23 ottobre.
Giovedì 20 all’arrivo, i pellegrini partecipanti, guidati dal loro parroco don Dario Franco, si sono recati alla Basilica di San Giovanni in Laterano, la prima costruita a Roma.
Oltrepassata la Porta Santa, che offre ai fedeli un "percorso straordinario verso la salvezza", hanno visitato quello che è considerato uno dei capolavori del Borromini.
Nel pomeriggio del giorno successivo, hanno incontrato, in piazza del Vaticano i pellegrini provenienti da Gorizia accompagnati dall’Arcivescovo Mons. Redaelli.
Tutti assieme, attraverso la Porta Santa, sono entrati nella basilica di San Pietro, dove l’Arcivescovo, coadiuvato anche da don Dario, ha officiato la Santa Messa all’altare della Cattedra.
La mattina del sabato, tutti assieme hanno partecipato all’Udienza Giubilare di Papa Francesco in piazza San Pietro.
Dopo la pausa pranzo i cervignanesi hanno raggiunto la basilica di Santa Maria Maggiore e, varcata la Porta Santa, hanno potuto ammirare la magnificenza dell’interno di quello che è considerato il più antico Santuario Mariano dell’occidente.
Nel tardo pomeriggio dello stesso giorno hanno avuto la possibilità di visitare la Cappella Papale Redemptoris Mater, che si trova al secondo piano del palazzo pontificio, la cui pareti sono rivestite da uno splendido ciclo di mosaici, ideato e realizzato, per il giubileo del duemila e offerto in dono all’allora papa Giovanni Paolo II, dal Centro Aletti diretto da P. Marko Ivan Rupnik. Suor Sonia, la guida, ha illustrato con chiarezza e competenza, come la raffigurazione nei mosaici metta in evidenza i fondamenti del nostro Credo.
Alla mattina della domenica, il gruppo si è recato alle catacombe di San Callisto, fra le più grandi ed importanti di Roma: esse rivelano sempre un fascino particolare e costituiscono un autentico invito alle sorgenti del Cristianesimo. Dopo la visita ha assistito alla messa celebrata, in quel luogo, dal suo parroco.
Al termine il gruppo ha raggiunto Castel Gandolfo, residenza estiva dei papi, per una passeggiata in quello che è stato eletto come uno dei borghi più belli d’Italia.
Dopo il pranzo i partecipanti, stanchi ma soddisfatti, hanno affrontato il viaggio di rientro.
Nel corso del pellegrinaggio non sono mancati momenti ricreativi come la visita a piazza del Popolo, Trinità dei Monti, piazza di Spagna, piazza Navona, Pantheon, fontana di Trevi…. e il tour panoramico serale in pullman, per scoprire il fascino unico della Città Eterna.
La riconoscenza e il ringraziamento da parte di tutti i partecipanti al pellegrinaggio al parroco don Dario Franco per aver così bene preparato e condotto il viaggio. Un ringraziamento particolare alla prof.ssa Carla Aita Ferrari per aver contribuito con Paola alla organizzazione del pellegrinaggio.

© Voce Isontina 2019 - Riproduzione riservata
Pellegrinaggio giubilare: l’impegno di essere comunità di misericordia
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.