Aquileia - Cervignano del Friuli - Visco
stampa

Madonna di Strada: restaurati tre ex voto ottocenteschi

Presentati alla comunità nel corso della festa dell’anziano che si è tenuta presso il santuario con la celebrazione della S.Messa da parte di don Nino Comar

Parole chiave: Madonna di strada (2), ex voto (1), restauro (31)
Madonna di Strada: restaurati tre ex voto ottocenteschi

La comunità di Chiopris Viscone ha vissuto un momento importante: la festa dell’anziano con la celebrazione della messa nel Santuario di Madonna di Strada a Viscone, presieduta da don Nino Comar e organizzata dal Comune di Chiopris Viscone. È stata una bella occasione per stare assieme, per divertirsi in un locale della zona e trascorrere una giornata in allegra ed amicizia.
Durante la celebrazione, alla presenza del sindaco Raffaella Perusin, sono stati riconsegnati al santuario di Madonna di Strada tre ex voto ottocenteschi dopo un attento restauro portato a termine dalla dottoressa Francesca Fontana e grazie all’intervento della fondazione CRUP che ha sostenuto parte delle spese per i lavori di restauro. I quadri sono la testimonianza di fede e di devozione a Maria da parte dei nostri avi e ritraggono miracoli avvenuti durante la vita di ogni giorno. Questi manufatti siano un invito al credente del nostro tempo ad alzare gli occhi al cielo, a chiedere l’aiuto a Maria che certamente non deluderà chi a Lei si rivolge con fede.
Un ringraziamento è stato rivolto a mons. Belletti che ha seguito tutto l’iter burocratico affinchè questa piccola pagina di storia locala possa ritornare a splendere dal passato per illuminare il presente e soprattutto il futuro della comunità.

© Voce Isontina 2019 - Riproduzione riservata
Madonna di Strada: restaurati tre ex voto ottocenteschi
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.