Monfalcone - Ronchi dei Legionari - Duino
stampa

Una terra da leggere e da scrivere

Dal 23 al 27 settembre Monfalcone ospita la seconda edizione del GEOgrafie festival con un ricco programma di incontri ed eventi

Parole chiave: Festival GEOgrafie (1)
Una terra da leggere e da scrivere

Il viaggio dell’homo geographicus, dalle sponde dell’Adriatico attraverso il Mediterraneo in uno sguardo rivolto al pianeta, e al contempo nella minuziosa e appassionante attenzione al proprio territorio, alla sua storia frutto del lavorio dell’uomo. Dal 23 al 27 settembre Monfalcone ospita la seconda edizione di GEOgrafie Festival. Scrivere la terra, leggere la terra, cinque giornate di libri, di voci e di letture, promosso da Comune di Monfalcone e Fondazione Pordenonelegge.
Ad inaugurare il festival sarà un viaggio lungo la Via della Seta assieme allo storico Franco Cardini, che intervistato da Gian Mario Villalta aprirà uno squarcio sul passato e futuro nei rapporti tra Oriente e Occidente, mercoledì 23 alle 17.30 in piazza della Repubblica.
Tra i vari appuntamenti proposti dal ricco cartellone fra locale e globale, la riflessione spazierà tra la letteratura, con le geografie letterarie dei romanzi noir assieme a Massimo Carlotto e Veit Heinichen ma anche attraverso i continenti: in  un ideale percorso opposto alla Via della Seta, sarà Gennaro Sangiuliano (sabato alle 18.30 in piazza della Repubblica) ad aprire una finestra sugli Stati Uniti di Donald Trump. Chiusura del festival domenica 27 alle 18.30 in piazza della Repubblica affidata a Beppe Severgnini (nella foto) che con Carlo Fava dipingerà quella stranissima primavera che ha sconvolto il pianeta a causa della pandemia.
Una sezione del festival curata dalla Biblioteca di Monfalcone sarà dedicata ai lettori giovani negli incontri disseminati nelle cinque giornate, La scrittura si incrocerà con le arti espressive nel concerto etnofolk di domenica mattina con i Benandanti, e nella lettura scenica "Il Muro: la Domenica delle scope. Una storia europea" di Roberto Covaz, sabato 26 alle 21 al Teatro Comunale.
Tutti gli appuntamenti sono a ingresso gratuito ma sarà necessario presentarsi trenta minuti prima dell’orario di inizio, per consentire gli ingressi secondo i protocolli di sicurezza. In piazza della Repubblica sarà allestito il "Geovillage", una grande area con stand espositivi destinate alle case editrici e alle librerie. Informazioni ed il programma completo possono essere scaricati dal sito geografiemonfalcone.it

© Voce Isontina 2019 - Riproduzione riservata
Una terra da leggere e da scrivere
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.