Monfalcone - Ronchi dei Legionari - Duino
stampa

Monfalcone: nessuna fede può giustificare la violenza. Mai.

Un folto gruppo di concittadini e della comunità musulmana di Monfalcone (a nome di tutti), mercoledì scorso in via S.Ambrogio proprio nei pressi dell’ingresso alla cappella invernale del duomo, ha testimoniato la solidarietà verso le vittime dell’attentato di Parigi e ha ribadito con la voce degli amministratori, dei giovani e dei rappresentanti della comunità musulmana e di quella cattolica, il no netto alla violenza in nome della fede in sintonia con le parole del papa Francesco che impegna tutti a non usare il nome di Dio per giustificare la violenza.

Parole chiave: pace (17), terrorismo (9), manifestazione (5)
Monfalcone: nessuna fede può giustificare la violenza. Mai.

L’iniziativa, promossa dall’amministrazione comunale di Monfalcone, ha registrato la partecipazione degli amministratori guidati dal sindaco Altran , presenti anche i sindaci di S. Canzian, Sagrado e S.Pier d’Isonzo oltre che una cinquantina di appartenenti alla comunità della comunità musulmana: tra di essi i cittadini originari del Bangladesch e dell’iman Abeldelmajid Kinani che guida una delle due comunità cittadine.
Le voci dei giovani del Collegio del mondo unito hanno dato voce ai pensieri di tutti e, consapevoli della loro giovanissima età hanno reso partecipi tutti della loro testimonianza di condivisione e di condanna ad ogni forma di violenza ma anche dell’impegno a non avere paura.
Le parole dell’iman sono state una dichiarazione esplicita contro la violenza manche una messa in guardia contro la tentazione di vedere in questi atti (come quello di Parigi) la guerra di religione, tesi assurda che questi violenti tentano di innescare subdolamente, ha ricordato a tutti che in Siria i musulmani uccisi dall’Isis sono oltre centomila e che essi dunque sono fra le prime vittime della violenza. Kimnani ha concluso invitando tutti a crescere i figli che sono il futuro dell’umanità, nell’amore e della verità. Infine ha invitato i musulmani a dare di più per integrarsi ed ha ringraziato i monfalconesi per l’accoglienza e l’ospitalità dimostrata.
Ha concluso gli interventi il decano Boscarol chiedendo a tutti di sentirsi semplicemente esseri umani partecipi della comune destino di fratellanza e fraternità; ha ringraziato per le parole di apprezzamento della comunità musulmana chiedendo a tutti di vincere la paura dell’integrazione e lottando insieme per tutto ciò che è ingiustizia e che provoca divisione ed assumendo stili di vita che si impegnino a favore della solidarietà e della sobrietà.
La fede, oltre la religione, ha punti di unità che possono parlare al cuore e alla vita di tutti.

© Voce Isontina 2022 - Riproduzione riservata
Monfalcone: nessuna fede può giustificare la violenza. Mai.
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.