Monfalcone - Ronchi dei Legionari - Duino
stampa

La scienza spiegata (d)agli studenti

Unanime interesse per i progetti esposti dai ragazzi cui si sono affiancati spettacoli, laboratori e mostre

Parole chiave: Scienza Under 18 (4), scienza (5), studente (9)
La scienza spiegata (d)agli studenti

Si è ripetuto anche quest’anno il Festival della scienza, organizzato sempre da Scienze Under 18 Isontina, un evento che ha riunito la scorsa settimana gli studenti del Friuli Venezia Giulia e di altre parti d’Italia. Ben 30 scuole, dall’infanzia alla superiore, hanno partecipato all’iniziativa per divulgare la scienza. Il festival si è tenuto nelle giornate di giovedì 11, venerdì 12 e sabato 13 nella Galleria Comunale d’Arte Contemporanea, nella Piazza della Repubblica, nel Teatro Comunale, nel Palazzetto Veneto e nell’Oratorio San Michele, luoghi in cui i ragazzi hanno esposto i loro progetti scientifici.
Non sono mancati inoltre spettacoli sulla scienza, laboratori, una mostra storica sulla medicazione della Prima Guerra Mondiale e la tradizionale mostra con gli scatti scientifici.
L’intera manifestazione si è aperta giovedì alle ore 9 presso la Galleria d’Arte con Marcello Fonda, Guido Narduzzi e gli studenti dell’ISIS BEM-ITA "Brignoli" di Gradisca d’Isonzo, vincitori di competizioni scientifiche nazionali e internazionali, e il coro S.P. "C.Collodi" di Fogliano -Redipuglia con la direzione della Maestra Siriana Zanolla.
Nelle tre giornate di immersione scientifica i ragazzi hanno partecipato a svariati laboratori, tra cui esperimenti sull’acqua fatta con delle barchette sul Canale dei Dottori per osservare i principi del galleggiamento, la magia del volo con i droni, giochi matematici, e altre attività sull’educazione alimentare, il riciclaggio creativo, la scoperta del nanomondo, l’inquinamento e i fumetti. Gli exhibit degli studenti hanno presentato al pubblico svariati progetti sulla scienza: i cani, la sinergia, la luce, il drone simulatore, il robot, i terremoti, le particolari piante che stanno invadendo il nostro Carso, il cambiamento climatico.
Non è stata da meno la mostra "La sanità nella Prima Guerra Mondiale", che ha presentato ai visitatori le divise di alcuni militari e i reperti  prestati da Fabio Zucconi, che era capitano del corpo militare della croce rossa. Sono stati esposti i diversi strumenti per la medicazione, prestati anche dal Gruppo Storico Culturale Grigioverdi del Carso di Ronchi dei Legionari, e un triangolo con la raffigurazione dei diversi tipi di medicazione.
Le immagini della proiezione sulla medicazione dei soldati della Prima Guerra Mondiale venivano dalla Biblioteca Comunale di S. Giorgio di Nogaro. I ragazzi del D’Annunzio hanno inoltre prodotto alcune poesie sulla Grande Guerra e scattato alcune foto nei luoghi del Carso devastati dal conflitto. Non è mancato inoltre un confronto sulla sanità tra presente e passato grazie alla collaborazione con la Croce Rossa e con la Protezione Civile.
Il Festival della Scienze ogni hanno mette alla prova ragazzi di diversa età, che sono chiamati a mostrare agli adulti le proprie conoscenze e a coinvolgerli nel grande mondo della scienza. Un evento di arricchimento non solo per i visitatori ma anche per i ragazzi stessi, in quanto, in questa occasione, hanno la possibilità di confrontarsi con i colleghi delle altre scuole e di prendere parte ad attività extra come mostre, spettacoli e laboratori che presentano le numerose discipline della scienza con angolature differenti.  

© Voce Isontina 2021 - Riproduzione riservata
La scienza spiegata (d)agli studenti
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.