Monfalcone - Ronchi dei Legionari - Duino
stampa

Il corale "bentornati" a don Marco e don Gigi

Presentati i due sacerdoti che collaboreranno con mons. Sudoso

Parole chiave: don Luigi Fontanot (1), don Marco Zaina (2)
Il corale "bentornati" a don Marco e don Gigi

Nella solennità di Cristo Re dell’Universo, sono stati accolti nella chiesa arcipretale di San Lorenzo a Ronchi dei Legionari, i due nuovi sacerdoti collaboratori al servizio dell’unità pastorale di San Lorenzo e Santo Stefano. Si tratta di don Luigi Fontanot, già parroco di Fiumicello e di don Marco Zaina, già parroco di Vermegliano fino al 2009 e collaboratore dell’equipe sacerdotale dell’unità pastorale Monfalconese fino all’ottobre scorso.
Don Gigi e don Marco aiuteranno il parroco monsignor Ignazio Sudoso nella gestione e nella cura della vita comunitaria ronchese.
Alla celebrazione erano presenti le associazioni parrocchiali e le autorità cittadine fra cui il sindaco Mauro Benvenuto e l’assessore Martinelli. Non è mancato il comandante dei carabinieri Mario Egidi. La celebrazione è stata sostenuta col canto del coro interparrocchiale.
Don Zaina ha ringraziato i presenti per l’accoglienza nel suo "ritorno" in città dove collaborerà al fianco delle realtà giovanili e della catechesi.
Don Fontanot ha ricordato le sue origini di Vermegliano, il suo battesimo a San Lorenzo e l’educazione alla fede e alla preghiera ricevute da bambino.
Un cammino nuovo è dunque iniziato. Lo hanno sottolineato anche i componenti dei consiglio pastorali e degli affari economici che hanno salutato i due sacerdoti con un discorso che è stato letto prima della benedizione finale.
"La parrocchia ha ancora un futuro - hanno sottolineato i consiglieri a nome di tutta la comunità - perché può salvarsi solo in ragione del suo legame che ha con la vita quotidiana della società e dei credenti insieme. Veniamo da due anni non facili caratterizzati dalla perdita di don Renzo, da una crisi economica e sanitaria che lasciano il segno in ognuno di noi". E ancora recita il testo: "In questo tempo, con l’arrivo di don Ignazio, abbiamo realizzato che ci sono molte cose da fare. C’è qualcosa da cambiare, da ’snellire’ o da affidare a nuovi scenari che il tempo di oggi ci consiglia. Proviamoci: senza buttare via tutto, perché il passato e la storia hanno un peso significativo nella costruzione della comunità del domani. Non si tratta solo di ’fare i compiti per casa’, di cambiare nomi alle cose o di ’sostituirle’ con altre allocuzioni incomprensibili come spesso vanno di moda, ma di poter lavorare con voi in spirito di collaborazione ed ascolto, attraverso i vostri consigli e la vostra esperienza umana e sacerdotale. Anche noi laici faremo la nostra parte. Ci sosterremo vicendevolmente perché da soli non si va da nessuna parte. Ci auguriamo - cari don Gigi, Marco e Ignazio - che con la vostra presenza tra noi, avvertiate la necessità di far convivere nella vostra persona la grandezza della propria vocazione con la fragilità della vostra umanità".
A don Gigi e don Marco sono stati donati dei quadri prodotti da Federico Leban e Franco Girardi. Le opere riproducono le chiese parrocchiali e il patrono San Lorenzo. Al termine della concelebrazione eucaristica, la festa si è spostata sul sagrato della chiesa dove i presenti si sono riuniti per un momento conviviale.

© Voce Isontina 2022 - Riproduzione riservata
Il corale "bentornati" a don Marco e don Gigi
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.