Gorizia
stampa

"Viribus unitis": un mosaico per la sede della Cassa Rurale

Collocato nel corso di una partecipata cerimonia nei locali lucinichesi dell’istituto di credito

Parole chiave: Cassa Rurale (3), Vittorio Zamar (1), mosaico (9)
"Viribus unitis": un mosaico per la sede della Cassa Rurale

"Viribus unitis": il motto del labaro dei fondatori campeggia in un mosaico all’ingresso della sede di via Visini della Cassa rurale ed artigiana di Lucinico Farra e Capriva,
Un’opera realizzata da un lucinichese: Vittorio Zamar, mosaicista per passione, che tessera per tessera ha costruito quella scritta il cui significato, "con le forze unite", è oggi quanto mai attuale.
Un’opera che nella rinnovata sede lucinichese, rimessa completamente a nuovo nel 2016 dopo un importante intervento di ristrutturazione ed adeguamento funzionale, rappresenta un preciso e significativo richiamo alle origini dell’istituto di credito.
"Ho dovuto prestare la massima attenzione per lavorare con la tecnica "al rovescio" o "a specchio". Ci vuole innanzitutto una grande pazienza, ma servono anche abilità e manualità, perché le tessere devono inserite accuratamente e con la giusta pressione", spiega Zamar, artista autodidatta, che ha imparato i trucchi del mosaico dopo aver avuto in passato un’impresa edile.
Un lavoro certosino, iniziato a fine settembre e terminato cinque mesi dopo.
Il mosaico è stato inaugurato ufficialmente alla presenza di tanti soci e clienti della Cassa: la cerimonia è stata anche l’occasione per fare un excursus storico, grazie al prezioso e competente aiuto di don Alessio Stasi, mentre il parroco di Lucinico don Valter Milocco ha impartito la benedizione.
L’artista ha utilizzato materiali diversi a seconda dei colori e delle parti del disegno.
Le tessere sono state ricavate da marmo di Carrara e Fiore di pesca carnico, in centro invece è stata usata pasta vitrea per ottenere la giusta colorazione. E ancora Travertino di Afganistan e Giallo di Siena.
I ghirigori laterali hanno richiesto una particolare attenzione, per la definizione di curve e controcurve.
Nulla è peraltro casuale nell’opera, non solo per i dettagli curati nei minimi particolari, come si può notare dai polsini delle camice su cui si notano i gemelli.
Anche per altri aspetti l’artista ha fatto delle scelte che hanno un significato ben preciso: "I ganci a cui è appeso il mosaico sono presi da "ciarile", i chiodi lunghi e quadrati che ho trovato nel tetto di una casa demolita. Per apporre la mia firma - ha concluso l’autore - ho invece utilizzato la corona di rame di una granata".iribus unitis": il motto del labaro dei fondatori campeggia in un mosaico all’ingresso della sede di via Visini della Cassa rurale ed artigiana di Lucinico Farra e Capriva,
Un’opera realizzata da un lucinichese: Vittorio Zamar, mosaicista per passione, che tessera per tessera ha costruito quella scritta il cui significato, "con le forze unite", è oggi quanto mai attuale.
Un’opera che nella rinnovata sede lucinichese, rimessa completamente a nuovo nel 2016 dopo un importante intervento di ristrutturazione ed adeguamento funzionale, rappresenta un preciso e significativo richiamo alle origini dell’istituto di credito.
"Ho dovuto prestare la massima attenzione per lavorare con la tecnica "al rovescio" o "a specchio". Ci vuole innanzitutto una grande pazienza, ma servono anche abilità e manualità, perché le tessere devono inserite accuratamente e con la giusta pressione", spiega Zamar, artista autodidatta, che ha imparato i trucchi del mosaico dopo aver avuto in passato un’impresa edile.
Un lavoro certosino, iniziato a fine settembre e terminato cinque mesi dopo.
Il mosaico è stato inaugurato ufficialmente alla presenza di tanti soci e clienti della Cassa: la cerimonia è stata anche l’occasione per fare un excursus storico, grazie al prezioso e competente aiuto di don Alessio Stasi, mentre il parroco di Lucinico don Valter Milocco ha impartito la benedizione.
L’artista ha utilizzato materiali diversi a seconda dei colori e delle parti del disegno.
Le tessere sono state ricavate da marmo di Carrara e Fiore di pesca carnico, in centro invece è stata usata pasta vitrea per ottenere la giusta colorazione. E ancora Travertino di Afganistan e Giallo di Siena.
I ghirigori laterali hanno richiesto una particolare attenzione, per la definizione di curve e controcurve.
Nulla è peraltro casuale nell’opera, non solo per i dettagli curati nei minimi particolari, come si può notare dai polsini delle camice su cui si notano i gemelli.
Anche per altri aspetti l’artista ha fatto delle scelte che hanno un significato ben preciso: "I ganci a cui è appeso il mosaico sono presi da "ciarile", i chiodi lunghi e quadrati che ho trovato nel tetto di una casa demolita. Per apporre la mia firma - ha concluso l’autore - ho invece utilizzato la corona di rame di una granata".iribus unitis": il motto del labaro dei fondatori campeggia in un mosaico all’ingresso della sede di via Visini della Cassa rurale ed artigiana di Lucinico Farra e Capriva,
Un’opera realizzata da un lucinichese: Vittorio Zamar, mosaicista per passione, che tessera per tessera ha costruito quella scritta il cui significato, "con le forze unite", è oggi quanto mai attuale.
Un’opera che nella rinnovata sede lucinichese, rimessa completamente a nuovo nel 2016 dopo un importante intervento di ristrutturazione ed adeguamento funzionale, rappresenta un preciso e significativo richiamo alle origini dell’istituto di credito.
"Ho dovuto prestare la massima attenzione per lavorare con la tecnica "al rovescio" o "a specchio". Ci vuole innanzitutto una grande pazienza, ma servono anche abilità e manualità, perché le tessere devono inserite accuratamente e con la giusta pressione", spiega Zamar, artista autodidatta, che ha imparato i trucchi del mosaico dopo aver avuto in passato un’impresa edile.
Un lavoro certosino, iniziato a fine settembre e terminato cinque mesi dopo.
Il mosaico è stato inaugurato ufficialmente alla presenza di tanti soci e clienti della Cassa: la cerimonia è stata anche l’occasione per fare un excursus storico, grazie al prezioso e competente aiuto di don Alessio Stasi, mentre il parroco di Lucinico don Valter Milocco ha impartito la benedizione.
L’artista ha utilizzato materiali diversi a seconda dei colori e delle parti del disegno.
Le tessere sono state ricavate da marmo di Carrara e Fiore di pesca carnico, in centro invece è stata usata pasta vitrea per ottenere la giusta colorazione. E ancora Travertino di Afganistan e Giallo di Siena.
I ghirigori laterali hanno richiesto una particolare attenzione, per la definizione di curve e controcurve.
Nulla è peraltro casuale nell’opera, non solo per i dettagli curati nei minimi particolari, come si può notare dai polsini delle camice su cui si notano i gemelli.
Anche per altri aspetti l’artista ha fatto delle scelte che hanno un significato ben preciso: "I ganci a cui è appeso il mosaico sono presi da "ciarile", i chiodi lunghi e quadrati che ho trovato nel tetto di una casa demolita. Per apporre la mia firma - ha concluso l’autore - ho invece utilizzato la corona di rame di una granata".

© Voce Isontina 2019 - Riproduzione riservata
"Viribus unitis": un mosaico per la sede della Cassa Rurale
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.