Gorizia
stampa

Un concreto sostegno ai disabili nello sport

Fare in modo che le persone disabili, ogni mattina quando si svegliano e ogni sera prima di andare a letto, possano dire "Sono fiero di me". Con quest’importante obiettivo è sorta una convenzione tra la Provincia di Gorizia e numerose associazioni sportive isontine affiliate al Comitato Italiano Paralimpico, al fine di sostenere l’attività dei tanti ragazzi che, grazie a queste realtà, hanno la possibilità di praticare uno sport, sia a livello amatoriale, che a livello agonistico.

Parole chiave: disabile (1), sport (15)

"Come Provincia è per noi fondamentale dare sostegno a tutte queste associazioni - ha sottolineato l’assessore provinciale allo Sport Vesna Tomsi? -, le quali operano per persone che, forse, hanno più bisogno di tutte le altre di essere aiutate e spronate, altrimenti avrebbero possibilità molto limitate di accedere alla pratica sportiva.
Tante le associazioni che hanno sottoscritto la convenzione: il Gruppo Sportivo "Giuliano Schultz" di Medea, il Gruppo Sportivo - Associazione Polisportiva NordEst di Gradisca d’Isonzo, il Gruppo Sportivo Anfass "Sport per Crescere" di Gorizia, il Gruppo Sportivo - US Acli Sci Club 2 di Ronchi e il Gruppo Sportivo "Svoc" di Monfalcone. Quello che le parti si impegnano a svolgere è il sostegno alla promozione della pratica sportiva agonistica, amatoriale e di sensibilizzazione, vista come diritto per tutti i cittadini disabili nell’ambito del più generale obiettivo della garanzia di accessibilità ai diritti di cittadinanza. Fondamentale è anche la condivisione della rilevanza dell’ambito sportivo come luogo di integrazione sociale, di crescita e di sviluppo dell’autonomia per la persona disabile, anche sotto il profilo delle relazioni sociali nel tempo libero. "Decine di persone disabili, grazie a queste associazioni, si sono avvicinate allo sport, avvalendosi di enormi benefici - ha commentato la presidentessa regionale del Comitato Italiano Paralimpico, Marinella Ambrosio -; lo sport è inoltre un fattore determinante nell’inserimento e nel reinserimento sociale, con una ripresa alla vita attraverso il gioco e lo stare insieme agli altri". "Con questa convenzione - ha aggiunto l’assessore Tomsi? - sono sostenute anche le Pari Opportunità di accesso alla pratica sportiva all’interno della disabilità e sono più che benvenute tutte quelle attività di team tra disabili e normodotati, aspetto importante nell’educazione allo stare insieme rivolta soprattutto ai più piccoli".
La convenzione, che ha durata sino al 31 dicembre 2016, vedrà erogare dalla Provincia un contributo alle associazioni sulla base delle richieste presentate.

Un concreto sostegno ai disabili nello sport
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.