Gorizia
stampa

La festa di Sant’Ignazio

Sabato 31 alle 18 la concelebrazione presieduta da mons. Baldas

La festa di Sant’Ignazio

Sabato 31 luglio si celebra la memoria di S. Ignazio di Loyola, fondatore della Compagnia di Gesù, e patrono della parrocchia che porta il nome del santo.
La celebrazione patronale di quest’anno si arricchisce perché collocata nell’ambito dell’anno ignaziano che ricorda la conversione del cavaliere basco. Era infatti il 1521, quando Ignazio, durante la sua convalescente nella casa di famiglia a Loyola per la ferita alla gamba riportata nella battaglia di Pamplona, cominciò a pensare in modo nuovo alla sua vita. L’anno ignaziano si è aperto il 20 maggio 2021 (anniversario dell’infortunio di Pamplona) e si concluderà il 31 luglio 2022. Il 12 marzo 2022 ne sarà il momento centrale, in occasione del IV centenario della canonizzazione di sant’Ignazio insieme a san Francesco Saverio, santa Teresa di Gesù, sant’Isidoro Labrador e san Filippo Neri.
A Gorizia ci saranno una serie di iniziative nei giorni che precedono la festa di S. Ignazio.
Mercoledì 28 luglio alle ore 18.00 nella chiesa di S. Ignazio si pregheranno i vespri, e poi seguirà un incontro dal titolo: "Il messaggio di S. Ignazio oggi: una lettura degli affreschi di S. Ignazio". P. Florio Quercia, anziano gesuita della comunità di Trieste, illustrerà gli episodi della vita di S. Ignazio rappresentati negli affreschi presenti sul presbiterio della chiesa di piazza Vittoria.
Giovedì 29 luglio, prendendo ispirazione dal pellegrinaggio proposto da S. Filippo Neri a Roma, si svolgerà la "Camminata delle 7 chiese". A partire dalle 20.00 da piazza S. Antonio ci sarà un itinerario tra 7 chiese del centro di Gorizia per terminare a S. Ignazio. In ogni tappa ci sarà una riflessione sull’attualità della proposta ignaziana.
Venerdì 30 luglio nel pomeriggio-sera viene proposto un pellegrinaggio all’isola santuario di Barbana. La partenza del pullman da Gorizia sarà alle 15.00 da piazza Vittoria e poi dal piazzale della Casa Rossa. Alle 16.00 si prenderà il motoscafo (è possibile anche trovarsi direttamente all’imbarcadero per chi giunge a Grado coi mezzi propri - in tal caso ciascuno provvede personalmente al proprio biglietto). Sull’isola-santuario ci sarà un po’ di tempo libero, con la possibilità di vivere la riconciliazione. Alle 17.30 verrà celebrata l’eucarestia. Verso le 19.30 si riprenderà il motoscafo e il ritorno a Gorizia è previsto per le 21.00. Il costo di pullman+motoscafo è di 20 euro. Le iscrizioni si effettuano in ufficio parrocchiale di S. Ignazio (mercoledì 9.00-12.30) o via mail parrocchia.ignazio@gmail.com.
Sabato 31 luglio, festa di S. Ignazio, ci sarà la celebrazione nella chiesa di piazza Vittoria alle 18.00. A presiedere l’eucarestia ci sarà mons. Giuseppe Baldas, che quest’anno ricorda 55 anni di sacerdozio e 80 anni di vita, e che da decenni è collaboratore della parrocchia del centro città. La S. Messa sarà animata dal coro S. Ignazio.

© Voce Isontina 2021 - Riproduzione riservata
La festa di Sant’Ignazio
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.