Gorizia
stampa

"Il Patrozini" assume quest’anno un significato ancora più importante

Domenica 25 aprile la santa messa delle 9.30 sarà presieduta dall’arcivescovo Carlo. Nel pomeriggio in programma la preghiera della Coroncina, le Litanie di San Giuseppe e la Benedizione Eucaristica

Parole chiave: patrono (141), San Giuseppe (19)
"Il Patrozini" assume quest’anno un significato ancora più importante

La serata di sabato scorso con Pietro Sarubbi dal tema "Giuseppe il Misericordioso" (di cui riferiamo in altro articolo di questa pagina) ha ufficialmente dato inizio alla preparazione della "Festa del Patrocinio di San Giuseppe" in Lucinico, che culminerà nella giornata di domenica 25 aprile, IV^ di Pasqua.
Secondo i dati sinora noti, la celebrazione fu introdotta nella Comunità subito dopo la designazione del Santo a Patrono della Chiesa Universale da parte di papa Pio IX nel 1870 e di cui quest’anno ricorrono i 150 anni.
Come ben sappiamo, proprio per questa ricorrenza, papa Francesco ha voluto indire un "Anno Speciale di San Giuseppe" fino al prossimo 8 dicembre.
Quest’anno, pertanto, "il Patrozini" assumerà una maggiore e particolare importanza.
Ritornando al programma, la preparazione continua durante la settimana con la preghiera del Triduo nelle giornate di martedì, mercoledì e giovedì con la recitata della Coroncina a San Giuseppe alle ore 18.30, davanti alla statua del Santo solennemente esposta.
Segue la S. Messa alle ore 19.00 presieduta da diversi sacerdoti: mons. Arnaldo Greco, mons. Ruggero Dipiazza e don Fabrizio Iacuzzi che, rispettivamente, affronteranno la figura di San Giuseppe quale "Patrono Universale della Chiesa", "Patrono dei lavoratori" e "Custode del Redentore".
Venerdì 23 aprile è anche la Festa del Patrono, San Giorgio Martire; come da consuetudine verrà celebrata la S. Messa alle ore 19.00 in lingua friulana. A solennizzare l’evento, saranno presenti alcuni rappresentanti della delegazione dell’Ordine Costantiniano di San Giorgio.
Il conferimento del riconoscimento "Amì di Lucinis" generalmente assegnato durante questa ricorrenza, quest’anno viene rinviato a data da stabilirsi.
Sabato dalle ore 8.30 alle ore 12.00 in chiesa, possibilità di accostarsi al Sacramento della Confessione per poter ricevere l’indulgenza così come stabilito da papa Francesco in questo Anno di San Giuseppe.
Alle ore 18.30 si terrà la celebrazione dei primi vespri della Festa del Patrocinio a cui seguirà la S. Messa prefestiva alle ore 19.00.
Domenica 25 aprile, le S. Messe con il consueto orario festivo: ore 8.00 e 9.30; quest’ultima sarà presieduta dall’arcivescovo mons. Carlo Roberto Maria Redaelli.
Nel pomeriggio, alle ore 16.00 ci sarà la preghiera della Coroncina, il canto delle Litanie di San Giuseppe e la Benedizione Eucaristica.
A motivo della normativa per la prevenzione della diffusione della pandemia di Covid-19, la tradizionale processione con la statua del Santo per le vie del paese è sospesa, così come la processione delle Rogazioni Maggiori che si svolgeva il 25 aprile; un ulteriore motivo, per vivere queste belle ricorrenze con un grande atteggiamento di fiducia e di speranza verso il Signore e dei Santi protettori lucinichesi Giuseppe e Giorgio anche in questo tempo di pandemia.

© Voce Isontina 2021 - Riproduzione riservata
"Il Patrozini" assume quest’anno un significato ancora più importante
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.