Gorizia
stampa

"Contea, profumi di cultura europea"

Dal 24 al 27 settembre la manifestazione che sostituirà "Gusti di frontiera"

Parole chiave: Contea (4), manifestazione (5), Gusti di Frontiera (10)
"Contea, profumi di cultura europea"

Si intitolerà "Contea, profumi di cultura europea" e si svolgerà dal 24 al 27 settembre la manifestazione culturale ed enogastronomia che, nel 2020, sarà realizzata al posto di Gusti di frontiera, bloccata a causa di Covid 19 e che dovrebbe ripartire nel 2021, evoluzione dell’epidemia permettendo.
Ma "Contea", come ha sottolineato il sindaco, Rodolfo Ziberna illustrando la manifestazione, non vuole essere un semplice evento tappabuchi ma, già dalla prima edizione, avrà personalità e vita proprie e  diventerà, un appuntamento fisso, a fine aprile di ogni anno, in occasione del compleanno della città.
"Dalla fine del lock down abbiamo deciso di guardare avanti, di non lasciarci travolgere dalla paura e, dopo aver riaperto castello e teatro e realizzato tante iniziative estive abbiamo cercato di capire cosa fare per non lasciare vuoto lo spazio di fine settembre di Gusti di frontiera, impossibile da organizzare in tempi di Covid 19, con qualcosa di completamente diverso che rappresentasse un omaggio al nostro splendido territorio. Non era facile -  ha rilevato il primo cittadino -, perché le disposizioni governative e regionali anti epidemia sono davvero molto limitative ma non potevamo gettare la spugna.  E così è nata "Contea, profumi di cultura europea", ideata per valorizzare uno dei periodi storici più pregnanti della città e del suo territorio che punterà sulle eccellenze del Goriziano nelle sue varie espressioni, con iniziative culturali, artistiche, musicali, teatrali e eno gastronomiche. In centro arriveranno anche i figuranti che aiuteranno a immaginare la vita ai tempi della Contea. Tutto sarà realizzato nella stretta osservanza delle norme anti contagio. Ci saranno presentazioni di libri, visite guidate, incontri, spettacoli e concerti, con uno spazio particolare ai Giardini pubblici mentre per quanto riguarda l’enogastronomia, ci sarà un’area dedicata in Piazza Battisti ma l’obiettivo è di "occupare" tutta la città attraverso il coinvolgimento di ristoranti, bar e negozi, che potranno anche prolungare l’orario,  ma anche di associazioni culturali, librerie, giovani e artisti.  Vorrei che ad essere protagonista fosse in particolare, proprio  la città che, in questi mesi, ha affrontato l’epidemia con straordinario senso di responsabilità dando prova di unità e di capacità di reazione ed è anche per questo che abbiamo voluto una "nuova" festa che, nei prossimi anni, accompagnerà i compleanni di Gorizia. Gusti di frontiera - spiega Ziberna - è il mondo che si incontra a Gorizia mentre Contea sarà la città che racconta e ricorda la storia di questo territorio dove si sono intrecciati i grandi e piccoli avvenimenti del resto d’Europa. Ma ci piacerebbe, in futuro, che "Contea" potesse anche diventare l’occasione per parlare di tutte le "Contee", anche quelle attuali o, perché no, immaginarie".
La manifestazione, in linea con le iniziative che vedono impegnata Gorizia insieme ad altri Comuni, come la candidatura a Capitale europea della cultura e la candidatura a sito Unesco del paesaggio naturale transfrontaliero terrazzato "Collio-Brda", anche per ciò che riguarda le iniziative culturali e quelle enogastronimiche manterrà questa caratteristica.

© Voce Isontina 2019 - Riproduzione riservata
"Contea, profumi di cultura europea"
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.