Cormons - Gradisca d'Isonzo
stampa

Sul Monte Quarin celebrata la festa dei nonni

Partecipata liturgia nel giorno in cui la Chiesa ricorda i santi Gioacchino ed Anna

Parole chiave: Festa dei Nonni (1), Santi Gioacchino e Anna (2)
Sul Monte Quarin celebrata la festa dei nonni

Oltre cento persone hanno partecipato quest’anno sul monte Quarin alla tradizionale Messa in onore dei santi Gioacchino e Anna, i nonni di Gesù ed è per questo che la giornata viene ricordata  come la "festa dei nonni".
Il rito Eucaristico è stata celebrato sul prato accanto alla chiesa della Beata Vergine del Soccorso che i cormonesi chiamano anche di Sant’Anna proprio per la presenza sull’altare ligneo dell’edificio di una statua di Sant’Anna che tiene per mano la Madonna bambina.
La statua, dopo che negli anni scorsi era stata oggetto di furto e dopo essere stata ritrovata in un mercatino, ora viene conservata nel museo di arte sacra della parrocchia di Cormons.  
A presedere il rito eucaristico è stato quest’anno don Flavio Zanetti che aveva accanto come concelebranti il parroco monsignor Paolo Nutarelli, monsignor Mauro Belletti e don Fausto Furlanut.
La liturgia è stata accompagnata dal canto della corale Sant’Adalberto.
Don Zanetti, all’omelia, ha sottolineato in particolare l’importanza di saper guardare e di saper ascoltare.
E riferendosi in particolare ai nonni, ha ricordato il loro importante ruolo non solo nella famiglia ma anche nella società: da loro viene ogni giorno l’invito a essere saggi con la parola giusta e a capire anche quando è il momento di stare zitti.
La mattinata di festa si è conclusa con un apprezzato momento conviviale che ha coinvolto tutti i presenti.

© Voce Isontina 2019 - Riproduzione riservata
Sul Monte Quarin celebrata la festa dei nonni
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.