Cormons - Gradisca d'Isonzo
stampa

Gradisca d'Isonzo: bilancio positivo per il Festival del Teatro Sociale

Con le performances del 3 e 4 luglio si è brillantemente concluso a Gradisca il festival di Teatro Sociale "Per un Teatro Vulnerabile". Dopo #azione1, intitolata Figure, che ha visto protagonisti gli ospiti del C.A.R.A. di Gradisca, venerdì scorso è stata la volta di "Fili d’erba", a conclusione del laboratorio realizzato in collaborazione con il C.I.S.I.

Parole chiave: sociale (1), teatro (113), festival (45)
Gradisca d'Isonzo: bilancio positivo per il Festival del Teatro Sociale

Un percorso per confrontarsi attraverso l’arte del Teatro e scoprire nuove forme di incontro, partendo dalla più ampia e profonda esperienza teatrale coltivata in questi anni dal C.I.S.I. di Gradisca, con l’intento di ampliarla e valorizzarla. Al laboratorio hanno preso parte gli utenti/attori che partecipano ai gruppi teatrali già presenti da tempo nella struttura e gli operatori che li conducono.
Un pubblico numeroso e attento ha sottolineato con calorosi applausi la splendida performance che ha armonizzato le diverse competenze e abilità messe in campo, offrendo uno spettacolo in cui si coglieva la passione e il divertimento dei protagonisti. Alla vivacità della serata ha contribuito anche la partecipazione della Banda Filarmonica Giuseppe Verdi di Ronchi, arricchita dalla presenza di alcuni ragazzi e ragazze del C.I.S.I., impegnati alle percussioni.
Sabato il festival - con "Fabbrica Amleto" #azione3 - ha affrontato il tema del lavoro, altro motivo di criticità sociale. La perdita del lavoro o la difficoltà nel trovarlo sono condizioni complesse che possono mettere in crisi l’essere umano nel suo stare al mondo. Il lavoro infatti spesso identifica, dà un posto nella società, oltre che i mezzi per il sostentamento. I cinque protagonisti in scena hanno raccontato con intensità e drammaticità il problema che molti in questi tempi sono costretti ad affrontare. "Teatro vulnerabile - ha commentato l’assessore Francesca Colombi - si è concluso con una rappresentazione che ci ha fatto "fare i conti" con ciò che ci spaventa. Con ciò che manca. Con ciò che non nobilita. Dura. Difficile. Intensissima Fabbrica Amleto."
Il festival - realizzato dalle associazioni Fierascena e Artestudio - è stato curato da Riccardo Vannuccini ed Elisa Menon con l’assistenza alla regia di Carlotta Del Bianco e la direzione tecnica di Marco Fabris. Il Circolo don Brandl si è occupato del service audio e luci degli spettacoli.
Nelle tre serate, gli interventi dell’assessore Francesca Colombi hanno rivelato la sua passione e il suo entusiasmo per il progetto. "Abbiamo puntato impegno e attenzione su tre diverse vulnerabilità, ne usciamo tutti più forti e coscienti, assieme". Ha inoltre ringraziato Fierascena per l’alta qualità dei tre progetti, tutti i partecipanti ai laboratori, il pubblico che ogni sera ha riempito la Corte Marco d’Aviano.
Ma l’attivita di Fierascena non si conclude qui. Prosegue ora, dal 6 al 14 luglio, presso il Centro Culturale Incontro della parrocchia di S. Rocco, a Gorizia, con un Laboratorio di Teatrio sociale al femminile -"Sorelle" - in collaborazione con la Fondazione don Giovanni Contavalle e con la Caritas di Gorizia e con il sostegno della Provincia di Gorizia.
Il progetto è rivolto a donne italiane ed immigrate presenti in provincia e si propone "di farle incontrare fornendo loro uno strumento di dialogo universale quale l’Arte, e nello specifico il Teatro, che possa fare da amplificatore alla loro presenza reciproca e al loro modo di stare al mondo".

Gradisca d'Isonzo: bilancio positivo per il Festival del Teatro Sociale
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.