Aquileia - Cervignano del Friuli - Visco
stampa

Ritorna il "Lunari dai paîs sot al tôr di Aquilea"

L’edizione 34 presentata nei giorni scorsi a Perteole

Parole chiave: Lunari (4)
Ritorna il "Lunari dai paîs  sot al tôr di Aquilea"

A Perteole (Circolo Acli), presentato il "Lunari dai paîs sot al tôr di Aquilea". Ha introdotto il presidente Luigi Rendina; saluto delle Acli provinciali dal vice presidente Sergio Iacuzzo, parole di plauso del Sindaco di Ruda Franco Lenarduzzi; ampia illustrazione del "Lunari" di Ferruccio Tassin; Giorgio Milocco ha commentato le foto della pubblicazione.
Anni 34 ha il "Lunari": giovanile maturità, nel solco di un appuntamento che diventa tradizione.
Polifonico per autori, è ormai elemento identitario della Bassa Cervignanese, della quale ha già toccato ogni paese e località, sotto il campanile d’ una Aquileia aperta al mondo, vera capitale di un Friuli non imbozzolato in sé stesso. Foto storiche e relativamente recenti; racconti in friulano (lingua prevalente), echi di storia e cronaca, formano, pur in un pullulare caleidoscopico di notizie e nozioni, una ossatura unitaria.
Ci sono voci e figure di umili e potenti; di re, imperatori e giù giù nobili in varia foggia e tanta "povera gente", nel concetto che ne aveva Giorgio La Pira.
Basta avere qualcosa d’ interessante da dire e raccontarlo in maniera corretta e piacevole, ed è porta aperta per tutti: esperti e neofiti.
I testi vanno da note di cronaca brevi, a trattazioni più impegnative, pur in relativa sintesi, che non può mancare. Gli ideatori e coordinatori Giorgio Milocco e Maurizio Puntin, ogni anno danno il la, scegliendo i paesi; da due anni ha preso in mano la pubblicazione, da editore, con coraggio e iniziativa, Barbara Zannier di "Grigiomedio" (Cervignano). Sport, personaggi della cultura e della scuola, classi del passato; storia e arte, laici, ecclesiastici, raccontano la loro storia anche quest’anno, come Nedda Grinami (una vita da maestra d’asilo a Terzo d’Aquileia), il prof. Doimo Frangipane, i tre monsignori di Saciletto (l’arcivescovo Pietro Cocolin, mons. Silvano Cocolin e mons. Elio Stafuzza), l’imprenditore Edoardo Prister di Fiumicello, e fin una Santa - Notburga di Eben - raccontata da Alessandro Pian. In definitiva, una pubblicazione che non dovrebbe mancare in ogni famiglia della Bassa Friulana, o nella raccolta di chi colleziona echi di memorie patrie.

© Voce Isontina 2023 - Riproduzione riservata
Ritorna il "Lunari dai paîs sot al tôr di Aquilea"
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.