Aquileia - Cervignano del Friuli - Visco
stampa

Parlare di turismo a Cervignano è oggi possibile

Qualche anno fa, soltanto a sentire parlare di turismo a Cervignano, veniva da sorridere. Ma ora ciò sta diventando possibile, le iniziative e i siti ci sono. Ne sono un esempio il parco di Villa Chiozza, che attualmente è la sede di Turismo Friuli Venezia Giulia.

Parole chiave: Villa Chiozza (3), turismo (9)

Il parco sarà aperto al pubblico anche durante i fine settimana e diventerà anche il sito adatto per ospitare degli importanti eventi culturali. Ci potranno essere anche delle visite nei fine settimana per i turisti.
Il parco di Villa Chiozza si compone di dieci ettari, comprendenti un’area boschiva con una varietà di vegetazione di pregio naturalistico, la riserva dei cervi e una vigna di refosco che è stata messa a dimora nel 1933, una delle più vecchie in regione. Villa Chiozza è un’oasi di verde non indifferente nella realtà cervignanese e al suo interno è possibile ammirare lo svolgersi delle stagioni, con i grandi alberi e le varie essenze.
Un’altra grande attrattiva, da un punto di vista turistico e per gli amanti della natura, è rappresentata dal parco del Pradulin. È appena dello scorso mese di aprile la volontà dell’amministrazione provinciale di Udine di rendere possibile il trasferimento dei parchi del Pradulin e di Muart di Carot all’amministrazione comunale cervignanese.
A tutt’oggi, però, dopo ampie rassicurazioni che entro l’estate il tutto si sarebbe potuto concretizzare, il Comune attende ancora un segno concreto da parte della Provincia.
Il Comune vorrebbe incominciare a pianificare degli interventi atti a rendere possibile la visita anche in questi due siti tanto cari ai cervignanesi.
Ci sono dei contatti in corso con alcune associazioni che si sono dimostrate intenzionate a prendersi cura della zona in questione.
Per quanto riguarda il parco Pradulin, il progetto dell’amministrazione ha finalità sociali. Il parco, va precisato, versa in cattive condizioni e necessita di essere sistemato al più presto. Tanto la vegetazione quanto i vari alberi sono da sistemare e valorizzate; a ciò si aggiungono anche dei problemi strutturali.
L’auspicio è quello di poter pensare ad attività da rendere possibili per la prossima stagione estiva: un’opportunità in più per tutta l’area della Bassa Friulana.

Parlare di turismo a Cervignano è oggi possibile
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.