Aquileia - Cervignano del Friuli - Visco
stampa

La Marcia del dono: occasione di sport, svago, generosità e cultura

Quasi 1500 iscritti alla manifestazione promossa dal locale Gruppo sportivo dei donatori di sangue

Parole chiave: Marcia del dono (1), generosità (1), donatore di sangue (4)

La zona del paese dedicata allo sport brulicava di gente per la "Marcia del dono", promossa e organizzata dal Gruppo Sportivo Donatori di Sangue di Campolongo Tapogliano.
Mescolarsi di colori in caleidoscopio, i fiumi di gente da iscriversi e iscritta, che si sfioravano al confine della timbratura.
Era un muoversi innervato da organizzazione perfetta, funzionante e discreta.
In gaiezza sembravano perfino i non pochi cani, ansiosi di andare per carrarecce, per fortuna asciutte e quasi polverose.
Iscritti 1470 di tutte le età e di ogni avventura (tra essi uno che sta per sondare gli ottanta, reduce da marce himalaiane, nordiche e di Patagonia).Isolati o in formazione (c’erano i ragazzi del Campp di Cervignano); a elastico o sgranati; di corsa o caminando; leggeri o percuotendo il terreno, in 1470 hanno abbracciato campi, vigne, orli di fossi e canali, piste, strade (intelligentemente poche), e fin rive di placide rogge di sorgiva.
Il marrone, con un ventaglio di inflessioni, in orizzontale e verticale, e una base di verde, appena affiorante, esaltavano i colori in movimento che vestivano persone entusiaste, impegnate in cercati record o in ilare andare.
Anche gli occhi più svagati non hanno potuto fare a meno di godere di una Campolongo civettuola ed elegante di ville settecentesche, caseforti e parchi, con drammatiche cadute nella agonizzante villa Antonini a Cavenzano, ancora in dignitosa custodia, coi muri perimetrali, del tetto da lungi (nel tempo) crollato.
Tocco di centenario bellico della grande guerra, con rievocatori, a Casa Ghiretti, dov’era il comando dopo Caporetto.
Storie di confini, intorno alla chiesa campestre di San Leonardo fra Campolongo e Ruda (splendidamente tenuta - perché amata - dalla famiglia Simonetti). Ancora dolente ricordo del cimitero militare con la cappella di Provino Valle a Perteole, di fronte alla strepitosa e antica chiesa di Sant’Andrea, che cela tesori e cultura a chi non ci entra.
E poi l’Amideria Chiozza alla Fredda e il posto di ristoro a Ca’ di Volpe, adiacente al castello, e alla via di Saciletto serpeggiante fra un verde già vincente sui bordi delle vene d’acqua.
Di nuovo tuffo in folla che si spartiva a gruppi, o si sgranava in singoli, al posto di ristoro finale. Non strombazzato, ma significativo il lavoro di donne campolongotapoglianesi, con dolci trasformati in euro per gli amici dove la terra ha tremato e una trentina di donazioni in chi ha voluto utilizzare parte dell’attesa pensando al prossimo.

© Voce Isontina 2019 - Riproduzione riservata
La Marcia del dono: occasione di sport, svago, generosità e cultura
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.