Cultura
stampa

Sul web le chiese distrutte dalla Grande guerra

Martedì 14 giugno la presentazione a Gorizia del sito www.chiesedistruttegorizia.com

Sul web le chiese distrutte dalla Grande guerra

L'Associazione Concordia et Pax, in collaborazione con l’Arcidiocesi di Gorizia e gli Archivi di Stato di Gorizia e Trieste, con il sostegno della Fondazione Ca.Ri.Go., ha promosso un progetto di ricerca pluriennale culminato nella realizzazione del sito web "Resurgent! Ricostruzioni, restauri ed interventi pubblici a favore delle Chiese distrutte del Goriziano" (www.chiesedistruttegorizia.com), curato dai due ricercatori goriziani Marco Plesnicar e Ivan Portelli. Il sito, che rappresenta una novità nel suo genere, raccoglie una serie ordinata di schede dedicate agli edifici di culto colpiti dagli eventi bellici sui fronti dell’Isonzo e del Carso, successivamente restaurati o ricostruiti ad opera dello Stato, nell’ambito territoriale diocesano precedente al 1947. Il lettore potrà reperire on line con facilità informazioni edite ed inedite, ricavate da documentazione archivistica e pubblicazioni, altrimenti difficilmente reperibili e spesso frammentarie.
Il sito sarà collegato con i portali delle Istituzioni che hanno aderito al progetto ed il materiale potrà essere implementato nel corso del tempo grazie all’integrazione di nuove fonti; un apparato iconografico ed un dettagliato rinvio alle raccolte documentarie consultate assicurano un viaggio ricco di sorprese nel cuore della presenza cristiana di queste terre di confine.
Il sito verrà presentato presso la sala "Della Torre" della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, martedì 14 giugno alle ore 17.

© Voce Isontina 2019 - Riproduzione riservata
Sul web le chiese distrutte dalla Grande guerra
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.