Cultura
stampa

Celso Macor: scrits e poesia

Par ricuardâlu tai 20 ains da muart

Parole chiave: Celso Macor (8), anniversario (151)

Viodìn ben dome cuant che doprìn ducj i dôi voi; se no, vin dome una vision parziâl dal mont che nus sta intor. Vin bisugna ancja di doi polmons par respirâ ben e dâgi al cuarp dut l’ossigeno che gi coventa par vivi. Leìnt lis pagjinis di Trilogia Isontina e Svualâ senza slaifs di Celso Macor (che pai 20 ains da muart a vegnin fûr par cure di Rienzo Pellegrini e Gabriele Zanello cul titul Sentire il tempo. Vecchie prose e altri versi), si capìs cuâi che son i sioi doi voi, i sioi doi "polmons leteraris", vâl a dî, il sguart dal gjornalist e chel dal poeta, che no stan mai ognun par so cont, ma che, anzi, si completin senza scuintrâsi, sei in ta prosa e sei in ta poesia, cuant ch’al scrîf par talian e cuant ch’al scrîf par furlan. Al è propi la sô capacitât di jessi "un", intîr, no framentât, che colpìs in chistis ricueltis, l’identitât salda ma al stes timp sufiarta dal poeta Macor e dal omp Celso, ch’al sa contâ la vita in viars e metaforis, senza tirâgi via nuia da sô concreteza.
Natura, storia, uera, identitât e solitudin: chiscj a son i agârs dai cjamps che Macor al samena cun lis sôs paraulis, prezisis ma senza storlècs, fuartis e scletis ma senza ufindi nissun. La solitudin nol è mancjanza di cumpagnia, ma la constatazion di cui ch’al ja vût il don di savê cjalâ oltre, in profonditât, dulà che i voi e il cûr di chei altris no òlsin di lâ. Solitudin come conseguenza da sinzieritât, e il presin di pajâ pa propria coerenza.
Come gjornalist, Macor no interpreta, ma nus mostra il so Friûl, l’identitât e la storia incjarnadis in tas musis e in tas vôs da int. Come poeta, al si rint cont di vê un compit di partâ a termin, una responsabilitât viars la sô gjenerazion e chês che vegnaràn dopo, par rigambiâ chel che lui stes, in prima persona, al ja ricevût, gratuitamenti, dai sioi vons.
Macor al sint la responsabilitât dal scrivi, di fâ ben il propi lavôr e di capî cui ch’a si l’è, come espression di gratitudin, rispiet e riverenza tai confronts da vita che nus ven dada e che l’è passada traviars di chei che son vignûts prima di noaltris.  Dentri da sô vision essenziâl, la scritura nol è un zûc o una fuga, anzi: a coventa al omp par fâ un pas indaûr e cjalâ lis robis in tal insieme, par no piardi di voli l’obietîf gjenerâl. Scrivi al è necessari par no vivi come bestiis, che no san di esisti, e par imparâ a stâ in tal mont, dulà che sin, come che sin, cun cui che sin. La poesia ja sens dome se intinduda come responsabilitât, no una maniera di scjampâ, ma un mût par calâsi ancjamò plui in profonditât dentri in ta vita, come i speleologos si càlin in tas grotis, dentri in tal misteri da l’origjine, in tal grin da tiara, no siart par nascundisi, ma par capî simût ch’al è fata. In chist sens l’opera di Macor al è amôr pa vita, curagjosa capacitât di cjalâ la realtât in musa, biela o bruta che sedi, e dâsi la fuarza di fâ il propi dovê, crodint saldamenti che nuia di chel che sin al larà piardût.
Prosa e puisia, gjornalist e poeta: a son i doi "polmons dal scrivi" che coventa par no dismenteâsi di rispundi a la domanda da nestra identitât, l’unica veramenti impuartanta. A son i doi voi di Celso, cussì vivarôs e intens ancja in tas fotos in blanc e neri, che nus cjàlin e nus domàndin ancjamò: "Ma tu, cui sês-tu?".

© Voce Isontina 2019 - Riproduzione riservata
Celso Macor: scrits e poesia
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.