Cultura

Un viaggio dall’età dei Longobardi ai giorni nostri

Il volume di Massimo Cernigoj offre documenti di prima mano; Villesse come riferimento e l’intero conflitto come scenario

"Potrei credere in un Figlio, che non sarebbe Dio da Dio,  ma tenebra da tenebra, mito da mito, nulla da nulla. Invece, mi è dato di credere con voi  nella Luce da Luce, nell’Amore da Amore,  nella Gloria da Gloria, non in una metafora o in un simbolo, ma in un nome e in un destino dell’universo, in Gesù Cristo, nostro Signore, nato, non creato, dalla stessa sostanza  del Padre, per cui tutte le cose furono create"

Le vicende forse poco conosciute del secondo Arcivescovo di Gorizia, esiliato nella cittadina lombarda  per ordine di Giuseppe II, e l’eco del cui operato a favore dei poveri è giunto fino ai giorni nostri

Il Forum della Cattedra Rezzara Mitteleuropea svoltosi la scorsa settimana a Gorizia  ha costituito il primo appuntamento del 53° Convegno Internazionale dell’Istituto  per gli IncontriCulturali Mitteleuropei

Esperimenti in questo senso ci sono stati anche nella nostra diocesi, che viveva i fermenti giovanili del tempo irrobustiti dallo spirito conciliare

Un nome che per le famiglie delle nostre terre con radici che affondano salde nel passato evoca l’esperienza degli avi in una terra lontana con l’uniforme dell’imperatore

Un racconto a cura di Maria Rosaria De Vitis Piemonti

"Lokalbahn", volume di Gianpaolo Chendi, dedicato a quella che fu la ferrovia Cervignano-Aquileia-Belvedere per riscoprire il territorio e le sue bellezze

Racconto - 11 settembre 2001/11 settembre 2018

La musicista e pittrice goriziana ha festeggiato mercoledì 5 settembre il prezioso genetliaco: una lunga esistenza vissuta di musica e per la musica

6 agosto 1978: un ricordo ed una testimonianza di quarant’anni fa

Lo scrivere, e descrivere, impressionistico su grandi temi dei versi in lingua friulana di Carmelo Contin editi dalle Edizioni Kappa Vu

"Jê no voleve contâur la storie de vuere ma la storie de int che e veve patît la vuere. Testemoneancis vivudis de int partint dal bas, là che si sintive il dolôr pes pierditis umanis, pe distruzion des cjasis e dai lûcs plui cjârs, lis esperiencis dolorosis de profugance"