Chiesa
stampa

Fedele interprete del Vaticano II

Il lungo impegno di servizio all’interno dell’Azione Cattolica diocesana

Fedele interprete del Vaticano II

Abbiamo visto don Renzo per l’ultima volta l’11 gennaio in occasione di un incontro online nel quale assieme ad un gruppo di lavoro avevamo concordato alcuni particolari relativi ad un progetto che ci vedrà nel 2022 ricordare i 100 anni di presenza della Azione cattolica nella Diocesi di Gorizia.
Un progetto al quale don Renzo si era appassionato, tanto è stato un appassionato Assistente della nostra associazione. Per anni don Renzo si è speso dentro e fuori l’associazione, e molti di noi "diversamente giovani" devono molto molto a questo uomo e a questo Sacerdote. Nonostante da alcuni anni don Renzo non avesse piu’un ruolo attivo in associazione, don Renzo discretamente ci ha continuato a seguire e a spronare a suo modo spesso "rudivo" ma in cui si intravvedeva l’amore e l’attenzione che questo sacerdote aveva per l’Azione cattolica e per la Chiesa. Io ho conosciuto don Renzo a metà degli anni 80 quando giovane di AC impegnato in associazione partecipavo allora alle tre giorni associative che veniva organizzate a settembre e ricordo con grande piacere le discussioni e le riflessioni sull’impegno sociale e politico e sulle tante cose da fare per rendere la Chiesa più aderente al progetto del Concilio vaticano secondo, attraverso don Renzo ho potuto avvicinarmi ad alcune figure di grandi laici di AC, come Lazzati e Dossetti che poi mi hanno portata per piu’ di venti anni a vivere una esperienza politica. Ho avuto poi modo di reincontrare don Renzo un’ anno fa, qualche mese prima del inizio di questa pandemia quando sono stato nominato Presidente di AC, qualche anno in piu’, qualche capello bianco in piu’, ma la passione sempre la stessa. Se devo oggi riassumere don Renzo in una parola, lo riassumerei con la parola passione. Passione per per l’uomo ed i suoi problemi, passione per la Chiesa.
Mi permetto di dire che don Renzo è stato ed ha rappresentato il Sacerdote interprete  fedele del pensiero del Concilio vaticano secondo, attento e rispettoso dei laici, in associazione sempre attento ad interpretare il suo ruolo, mai andando oltre. Nonostante i molteplici interessi che don Renzo ha coltivato, la cultura, la politica, il giornalismo don Renzo non si è mai dimenticato di quello che era, un sacerdote, un prete capace di entrare in sintonia con le persone che gli si avvicinavano, capace di cogliere i problemi e le difficoltà e se era necessario anche di condividerle fino in fondo. Rispettoso dei ruoli e dei compiti ha sempre rigettato l’idea di una Chiesa clericale riconoscendo e valorizzando il ruolo dei laici non in un ottica di subordinazione, ma in una dimensione sinodale.  Molto attenta era la sua capacità di lettura dei problemi e dei particolari che andava oltre la dimensione della Parrocchia ed investiva una sfera diocesana. Perfettamente consapevole del suo ruolo, in una Chiesa di comunione, è stato capace di riconoscere la dignità dei laici, ed in tal senso l’Azione cattolica è stata per don Renzo una famiglia e lui per noi un fratello maggiore.
A nome della Associazione che oggi sono chiamato a rappresentare mi sento in questo momento di voler ringraziare il Signore per il grande dono che a tutti noi è stato fatto di averlo conosciuto ed incontrato, ma penso di non sbagliare dicendo che tutti abbiamo anche il compito e la responsabilità di ricordarlo come un uomo ed un prete che non si è risparmiato fino alla fine, che ha vissuto con grande passione la sua vocazione testimoniando una Chiesa in uscita capace di creare relazioni e di essere attenta e misericordiosa nei riguardi di tutti.

© Voce Isontina 2021 - Riproduzione riservata
Fedele interprete del Vaticano II
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.