Chiesa
stampa

Due rifugi dove ritrovare il calore e l’affetto

L’accoglienza delle persone senza fissa dimora nei dormitori di Gorizia e  Monfalcone  è possibile grazie ai fondi 8 per mille  della Chiesa Cattolica a disposizione dell’Arcidiocesi di Gorizia per le opere di carità

Parole chiave: dormitorio (11)

Il sapore della povertà per alcune persone ha il gusto amaro del freddo della notte passata su una panchina, ha la sensazione del gelo nelle vene, perché si ha la consapevolezza che se succede qualcosa, qualsiasi cosa, non si può contare su nessuno.
Questi sono i sentimenti che provano le persone che vivono la grave emarginazione sociale e hanno perso la propria dimora. La dimora non è solo un’abitazione dove vivere, ma anche il luogo delle relazioni più intime e familiari.
Per queste persone i dormitori monsignor "Luigi Faidutti" di Gorizia e "Aristide Vescovini" di Monfalcone sono due rifugi sicuri dove, non solo poter lavarsi, cambiarsi e trovare un letto per trascorrere la notte, ma un luogo dove ritrovare il sapore dolce del calore dell’accoglienza, che ti fa sentire di nuovo in famiglia.
I due dormitori funzionano grazie all’impegno di una trentina di volontari che ogni sera e ogni mattina a turno si mettano a servizio di coloro che cercano non solo un luogo dove pernottare, ma un volto amico e familiare che li accolga e spalanchi loro le braccia. La sede del Dormitorio "Faidutti" è offerta in comodato gratuito dalla Parrocchia dei Santi Vito e Modesto di Gorizia, mentre la Parrocchia della Beata Vergine Marcelliana ha donato all’Arcidiocesi di Gorizia il diritto di superficie dei locali dove ha sede il Dormitorio "Aristide Vescovini". L’accoglienza delle persone senza fissa dimora è possibile grazie ai fondi 8 per mille della Chiesa Cattolica a disposizione dell’Arcidiocesi di Gorizia per le opere di carità.

Chi sono le persone senza fissa dimora che trovano ospitalità nei dormitori?
A Gorizia nel borgo piazzutta ha sede il Dormitorio "monsignor L. Faidutti" che da gennaio ad ottobre 2018 ha accolto mediamente 21 persone a notte: 15 sono richiedenti asilo, in genere afghani e pakistani, che hanno perso l’accoglienza prevista dalla normativa italiana, i restanti 6 sono persone senza fissa dimora che gravitano a Gorizia.
Focalizzandoci sugli ospiti non richiedenti asilo nei primi dieci mesi del 2018 hanno trovato accoglienza 13 persone, di cui 7 italiani e 6 stranieri. 10 persone sui 13 ospiti, accolti dal dormitorio Faidutti nel 2018, hanno già superato i 50 anni.
La permanenza media di un ospite non richiedente asilo nel dormitorio Faidutti è di 127 giorni.  Soltanto tre persone hanno pernottato al Dormitorio di Gorizia per meno di 20 giorni; altre 4 tra i 20 e i 100 giorni. Le restanti 6 persone sono rimaste in Dormitorio per più di 100 giorni.
Il Dormitorio "Aristide Vescovini", che ha sede a Monfalcone vicino al Santuario della Beata Vergine Marcelliana a Monfalcone, può accogliere 7 persone. Dal 24 agosto 2015 al 30 ottobre 2018 il dormitorio ha accolto 90 persone. Sono, invece, 36 gli ospiti accolti dal 1° gennaio 2018 al 30 ottobre 2018, di cui 10 italiani e 26 stranieri.
Per quanto concerne 24 ospiti non hanno compiuto i 50 anni, mentre 12 hanno un’età superiore ai 50 anni. La permanenza media di un ospite nel dormitorio A. Vescovini è di 34 giorni. 14 ospiti del dormitorio monfalconese è rimasta in Dormitorio per più di 20 giorni.
Come si vede dai dati riportati in certi casi gli ospiti rimangono nei dormitori per un periodo non breve e ciò dimostra che per una persona che perde la sua dimora riuscire a ricercare una nuova occupazione lavorativa e un alloggio in locazione è un impegno molto gravoso, soprattutto se si aggiungono problematiche psicologiche o legate alla dipendenza di alcool o sostanze stupefacenti.

© Voce Isontina 2018 - Riproduzione riservata
Due rifugi dove ritrovare il calore e l’affetto
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.