Chiesa

Il prossimo lunedì 18 maggio ci viene data la possibilità della ripresa delle celebrazioni liturgiche. Il primo atteggiamento da avere è quello del rendimento di grazie al Signore che ci offre questo grande dono, anche in mezzo alle difficoltà del momento.

Intervista a due famiglie della bassa friulana che, durante il periodo di restrizioni legate al Covid - 19, hanno ricreato tra le mura domestiche una dimensione della fede vera e autentica, condivisa anche con i membri più piccoli del nucleo famigliare

Notizie, buone notizie che arrivano, inaspettate, e danno uno scossone di vivacità ad un nostro tempo da più di due mesi totalmente sotto scacco Covid.

Pur nella fatica di non poter fare come sempre ci potrebbe essere l’occasione per realizzare un cammino diocesano più unitario

Rileggendo la preghiera insegnata da Gesù è possibile affrontare gli interrogativi che nascono dal nostro vissuto anche in un periodo come l’attuale /6

Messaggio dei vescovi della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia

Lettera dell'Assistente ecclesiastico U.N.I.T.A.L.S.I. in apertura del Mese Mariano

L’emergenza sanitaria impone la ricerca di nuovi percorsi pastorali perchè non venga meno la prossimità dei presbiteri alle comunità cristiane /5

Domenica 3 maggio, quarta del tempo di Pasqua, si celebra in tutto il mondo la 57^ Giornata di preghiera per le vocazioni; la celebrazione di quest’anno assume una valenza particolare vista la pandemia che tutto il mondo sta subendo

Rileggendo la preghiera insegnata da Gesù è possibile affrontare gli interrogativi che nascono dal nostro vissuto anche in un periodo come l’attuale /5

Durante il mese di maggio, sui social verrà proposta in diretta la recita del rosario (ogni sera con inizio alle 20.30) dai santuari mariani posti nel territorio della diocesi

Catechesi pasquali del vescovo Carlo sui canali social in dialogo con i gruppi ecclesiali presenti in diocesi

Rileggendo la preghiera insegnata da Gesù è possibile affrontare gli interrogativi che nascono dal nostro vissuto anche in un periodo come l’attuale /4

L’emergenza sanitaria impone la ricerca di nuovi percorsi pastorali perchè non venga meno la prossimità dei presbiteri alle comunità cristiane /5

L’emergenza sanitaria impone la ricerca di nuovi percorsi pastorali perchè non venga meno la prossimità dei presbiteri alle comunità cristiane /4

Rileggendo la preghiera insegnata da Gesù è possibile affrontare gli interrogativi che nascono dal nostro vissuto anche in un periodo come l’attuale /3

Anche in queste settimane di Covid-19, la presenza dei cappellani nelle corsie degli ospedali non è venuta meno continuando a rappresentare  - seppur in maniera diversa e con le limitazioni imposte dall’emergenza - un preciso punto di riferimento per i degenti, i loro familiari ed il personale sanitario

Domenica 12 aprile, nel tardo pomeriggio del giorno di Pasqua, l’arcivescovo Carlo ha presieduto la messa in cattedrale a porte chiuse. Il rito è stato trasmesso in diretta streaming sul canale YouTube e sulla pagina Facebook dell’Arcidiocesi di Gorizia. Proponiamo di seguito il testo della sua omelia ricordando che i testi di tutti gli interventi di mons. Redaelli nella Settimana Santa possono essere lette e scaricate dall’indirizzo internet http://www.gorizia.chiesacattolica.it/un-momento-penitenziale-del-tutto-eccezionale-che-tutti-speriamo-resti-tale/

L’impegno dei missionari diocesani impegnati in terra africana prosegue nonostante il Covid - 19