Chiesa

Tanti gli interrogativi e le interpretazioni per offrire un senso esistenziale ed evangelico a questa straordinaria condizione

L’emergenza sanitaria impone la ricerca di nuovi percorsi pastorali perchè non venga meno la prossimità dei presbiteri alle comunità cristiane /2

Rileggendo la preghiera insegnata da Gesù è possibile affrontare gli interrogativi che nascono dal nostro vissuto anche in un periodo come l’attuale /1

Continua l’emergenza legata alla pandemia del nuovo coronavirus. Questa condizione impedisce di celebrare la Pasqua, festa principale per la vita della Chiesa, nelle nostre comunità. È però l’opportunità di riscoprire la bellezza di essere Chiesa domestica.

L’emergenza sanitaria impone la ricerca di nuovi percorsi pastorali perchè non venga meno la prossimità dei presbiteri alle comunità cristiane /1

Intervista al direttore, diacono Renato Nucera, e l'elenco delle nuove direttive per il corretto svolgimento dei servizi

Lunedì 16 marzo 2020, in occasione della festa dei Santi Ilario e Taziano, patroni della città di Gorizia, l’arcivescovo Carlo ha presieduto a porte chiuse la liturgia eucaristica in cattedrale. Il rito è stato concelebrato dal decano, don Fulvio Marcioni, e dal parroco della,cattedrale, don Nicola Ban. 
Pubblichiamo di seguito l’omelia del vescovo Carlo. 

Il cammino percorso insieme all’Unitalsi

L’arcivescovo Carlo ha voluto rivolgersi direttamente ai fedeli della diocesi con un Messaggio che è stato letto nelle chiese domenica scorsa

Monsignor Redaelli ha scritto, in merito alla diffusione del Covid19, una lettera per tutti i fedeli; verrà letta domenica durante tutte le Sante Messe nelle chiese della diocesi.

I 4.060,50 euro raccolti andranno ad aiutare una famiglia residente sul territorio diocesano