Monfalcone - Ronchi dei Legionari - Duino
stampa

Trent’anni di campo estivo

TURRIACO - Conclusa l’esperienza curata dal Brandl a Bagni di Lusnizza

Parole chiave: Circolo Brandl (32), campi estivi (3)
Trent’anni di campo estivo

"Questo campo mi ha insegnato tante cose, una di queste è l’amicizia, quella vera". "Più vengo qui, più mi stupisco di quanto questo posto e questa gente siano meravigliosi…" "Qui è come essere a casa…" "Questo campo mi ha dato ispirazione, mi ha insegnato molto, mi ha dato gioia, speranza, felicità…"
Questi sono alcuni dei tanti messaggi lanciati dai ragazzi nel cerchio di chiusura del Campo Estivo "UUU… Splash" organizzato dal Circolo culturale e ricreativo don Eugenio Brandl di Turriaco. Leggere queste parole, per gli animatori che a loro si dedicano è un "pieno di soddisfazione" dopo dieci giorni di condivisione e mesi di preparativi.
"Dieci giorni di vita assieme, 48 bambini e una quindicina tra animatori e cuochi, hanno un grosso significato per tutti, grandi e piccoli" Spiegano gli animatori.
"Si tratta di un’esperienza che si rinnova da trent’anni (i primi due il campo è stato proposto dalla Parrocchia di Turriaco, poi, con la nascita del Circolo Brandl, l’organizzazione è passata in mano a esso) e per la quale lavorano anche altre persone del Circolo stesso che rimangono poi in pianura. La casa di Bagni di Lusnizza che ci ospita dai primi anni Novanta, è una struttura fenomenale per il nostro modo di gestire l’esperienza perché è un buon punto di partenza per le escursioni che proponiamo e, nel contempo, si rivela un luogo adatto ai ragazzi per potervi soggiornare e operare" prosegue il presidente del sodalizio Elisa Baldo.
I dieci giorni di campo sono intensi e scanditi da orari ben definiti e vedono i ragazzi collaborare in ogni attività. La partecipazione è tanta e sentita, anche ai cerchi di riflessione serale in cui ognuno ha modo di esporre le proprie impressioni in merito alla giornata, alle attività, al tema del giorno. Ogni giornata, infatti, è caratterizzata da un tema che viene lanciato al mattino nel cerchio di apertura e che, quest’anno, ha calcato la storia di Oceania, l’ultimo capolavoro della Disney. Maui, Vaiana, Nonna Tala, Tefiti, Te Kà e gli altri protagonisti del film hanno quindi fatto da sfondo all’avventura proposta dal Circolo Brandl scandendo le giornate e facendo breccia nei cuori di tutti i ragazzini.
A chiudere l’esperienza, l’ultima sera, è stata la veglia delle stelle attorno al "bidon fuoco"; è stata una serata commovente, ricca di spunti di riflessione e partecipata da tutti: ognuno ha avuto modo di leggere un messaggio attorno al cerchio, messaggi dedicati all’amicizia, alla cultura della profondità, alla cura e all’attenzione da dedicare agli altri, all’importanza della ricerca degli obiettivi di vita, alla solidarietà vera,
Una serata degna della chiusura di un’esperienza che intende aiutare e sostenere la crescita dei giovani delle nostre comunità, che intende dare loro l’opportunità di fermarsi a riflettere per maturare e creare consapevolezza in essi. Dieci giorni non sono tanti, ma costituiscono comunque una piccola e importante goccia che non si perderà nell’oceano della loro vita, ma rimarrà nei loro cuori e nei loro ricordi.

© Voce Isontina 2017 - Riproduzione riservata
Trent’anni di campo estivo
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.